Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Isolamento delle vene polmonari e mappaggio ad alta densità con catetere Orion

isolamento delle vene polmonari

Un mappaggio ad alta densità permette di individuare segnali a basso voltaggio residui dopo procedura di isolamento delle vene polmonari per il trattamento della fibrillazione atriale, con un effetto positivo sugli outcome clinici. È quanto emerge da uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Heart Rhythm, che ha messo a confronto pazienti con fibrillazione atriale trattati con isolamento delle vene polmonari guidata da mappaggio ad alta densità o tradizionale.

Sono stati presi in considerazione 150 pazienti sottoposti a isolamento delle vene polmonari guidata da mappaggio ad alta densità (39 redo, 111 de novo) con catetere Intellamap Orion e sistema Rhythmia HDx e 452 soggetti sottoposti a una procedura tradizionale con catetere mappante circolare Lasso, i quali costituivano il gruppo di controllo. Dai risultati è emerso che la procedura di isolamento delle vene polmonari è andata a buon fine in quasi tutti i pazienti in entrambi i gruppi, ma in 31 dei 150 pazienti del gruppo sottoposto a mappaggio ad alta densità è stato possibile individuare segnali a basso voltaggio residui, tutti in seguito eliminati. A un follow up medio di 320 giorni i pazienti del gruppo sperimentale sono risultati associati a una maggiore libertà dalla fibrillazione atriale (90,7% vs. 73,9%; p < 0,001). Il gruppo dei soggetti sottoposti a mappaggio ad alta densità e ablazione de novo è risultato associato a un hazard ratio di 0,44 rispetto a quelli sottoposti ad ablazione redo ma entrambi hanno registrato un tasso di eventi significativamente inferiore rispetto al gruppo di controllo a un test logrank (p < 0,001).

“Questo lavoro presenta il concetto di propagazione a bassi voltaggi residua nell’antro delle vene polmonari in seguito a procedura di isolamento delle stesse”, concludono gli autori. “È possibile identificare queste vulnerabilità locali grazie alle tecnologie per il mappaggio ad alta risoluzione attualmente disponibili, come il sistema Rhythmia-Orion. Inoltre, agendo su queste vulnerabilità attraverso ablazioni ulteriori è possibile ottenere una maggiore libertà dalla fibrillazione atriale rispetto alle procedure effettuate con catetere mappante circolare”.

Bibliografia
Segerson NM, Lynch B, Mozes J, et al. High-density mapping and ablation of concealed low-voltage activity within pulmonary vein antra results in improved freedom from atrial fibrillation compared to pulmonary vein isolation alone. Heart Rhythm 2018; 15(8): 1158 – 1164.

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi