Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

La relazione tra drop dell’impedenza locale e efficacia delle lesioni

impedenza locale

Anche nell’ambito di ablazioni complesse il monitoraggio dei drop dell’impedenza locale, sia assoluti che percentuali, fornisce informazioni utili sul contatto con il tessuto e la relativa efficacia delle lesioni. È questa la conclusione degli autori di uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology, che ha valutato, per la prima volta in assoluto, l’utilizzo del catetere Intellanav MiFi (1).

Lo studio ha preso in considerazione 31 pazienti sottoposti ad ablazione con radiofrequenza. Utilizzando il catetere Intellanav MiFi, dotato di sistema di mappaggio ad alta intensità e algoritmo Direct Sense, i ricercatori hanno analizzato i valori di impedenza locale, di impedenza del generatore e l’ampiezza massima dell’elettrogramma registrati a livello del pool ematico, delle regioni sane e di quelle ad alta densità di cicatrici, prima, durante e dopo l’ablazione.

L’impedenza locale è risultata inferiore nelle regioni ad alta densità di cicatrici rispetto al tessuto sano o al pool ematico ed è emersa una relazione esponenziale tra questo parametro e l’ampiezza massima dell’elettrogramma. Il drop massimo di impedenza locale durante l’ablazione è risultato correlato in modo lineare con la misurazione alla baseline iniziale.

Il drop medio assoluto nelle lesioni andate a buon fine è risultato di  16,0Ω (12,1 – 19,8Ω) per il ventricolo sinistro e di 14,6Ω (10,0 – 18,3 Ω) per l’atrio sinistro, più elevato rispetto alle lesioni non riuscite (p = 0,001 per il ventricolo sinistro; p = 0,049 per l’atrio sinistro). Anche il drop percentuale, infine, è risultato significativamente maggiore nelle lesioni riuscite rispetto a quelle non riuscite (ventricolo sinistro: 17,1 Ω vs. 10,6Ω; p = 0,002; atrio sinistro: 14,2Ω vs. 7,5 Ω; p = 0,005).

Bibliografia

1. Martin CA, Martin R, Gajendragadkar MPhil PR, et al. First clinical use of novel ablation catheter incorporating local impedance data. J Cardiovasc Electrophysiol 2018; 29(9): 1197 – 1206.

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi

Correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere e parametri elettrici nella stimolazione hisiana

Sul Journal of Electrocardiology è stato recentemente pubblicato uno studio sulla correlazione tra sede anatomica di impianto dell’elettrocatetere per la stimolazione hisiana e differenze nei parametri elettrici ottenuti in acuto.

Leggi