Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Monitoraggio dell’impedenza locale nelle procedure di ablazione della fibrillazione atriale

ablazione impedenza locale

È ora possibile monitorare l’impedenza locale durante le procedure di ablazione della fibrillazione atriale. Lo dimostrano i risultati di uno studio pubblicato su Europace, i quali mettono in evidenza come, rispetto all’utilizzo dell’impedenza del generatore a radiofrequenza, i valori di questo parametro alla baseline permettano di predire con più accuratezza i drop dei livelli di impedenza, fornendo informazioni utili sulla formazione delle lesioni ablative (1).

Lo studio ha preso in considerazione 25 pazienti consecutivi con una storia di fibrillazione atriale sottoposti ad ablazione transcatetere guidata dal sistema di mappaggio tridimensionale Rhythmia, in grado di misurare l’impedenza locale, in aggiunta all’impedenza del generatore, attraverso il catetere IntellaNav MiFi dotato di algoritmo Direct Sense. Entrambi questi parametri sono stati misurati prima e durante 381 applicazioni di radiofrequenza. I risultati hanno messo in evidenza un’impedenza locale più elevata nelle aree ad alto voltaggio (>0,5 mV; 110,5 ± 13,7Ω) rispetto a quelle a voltaggio intermedio (0,1–0,5 mV; 90,9 ± 10,1Ω, P < 0,001), a basso voltaggio (<0,1 mV; 91,9 ± 16,4 Ω, P < 0,001) e al pool ematico (91,9 ± 9,9Ω, P < 0,001). Durante la fase di ablazione, invece, il drop medio dell’impedenza locale (ΔLI; 13,1 ± 9,1Ω) è risultato 2,15 volte maggiore rispetto al drop dell’impedenza del generatore (ΔGI; 6,1 ± 4,2Ω, P < 0,001). Inoltre, i livelli di impedenza locale alla baseline sono risultati correlati ai cali misurati durante le ablazioni: in media un’impedenza locale alla baseline di 99,9Ω prediceva un drop del 12,9 Ω (p < 0,001). Una relazione, questa, risultata significativamente più forte rispetto al rapporto tra impedenza del generatore alla baseline e relativo drop durante le ablazioni (p < 0,001). I movimenti dei cateteri, infine, sono risultati associati a rapide variazioni dell’impedenza locale.

Bibliografia

1. Gunawardene M, Munkler P, Eickholt C, et al. A novel assessment of local impedance during catheter ablation: initial experience in humans comparing local and generator measurements. Europace EP 2019: 21, i34–i42.

Ultimi articoli

Comunicazione ai soci AIAC di una violazione di dati personali (data breach) subita da AIM Italy S.r.l.

Si comunica a tutti i soci AIAC che la Società AIM Italy S.r.l., al quale AIAC ha affidato l'attività di organizzazione nel proprio congresso annuale, dei propri webinar e più in generale delle proprie attività formative, nei giorni scorsi ha subito un attacco informatico con utilizzo di malware di tipo ransomware cryptolocker.

Leggi

Elezioni AIAC 2022, l’elenco dei candidati

Dal 23 maggio 2022 al 12 giugno 2022 si terranno le elezioni per la nomina del Presidente Eletto e il rinnovo del Consiglio Direttivo Nazionale. Le elezioni si terranno per via telematica.

Leggi

Bando per la selezione del Direttore Editoriale AIAC biennio 2022-2024

Con il presente bando si invita chi fosse interessato a partecipare alla selezione per il ruolo di Direttore Editoriale AIAC, relativamente alla attività da svolgere per il Giornale Italiano di Cardiologia e il Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi