Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’impedenza locale nell’ablazione delle tachicardie ventricolari

impedenza locale tachicardie ventricolari

L’impedenza locale costituisce un parametro sensibile per guidare le procedure di ablazione a radiofraquenza nei pazienti con tachicardie ventricolari. Sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology i risultati di uno studio che ha valutato l’impedenza locale come parametro utile a stabilire l’efficacia delle lesioni ablative, mettendo in evidenza come questa risulti diversa a seconda delle caratteristiche del tessuto e dell’eziologia della cardiomiopatia sottostante (1).

I ricercatori hanno preso in analisi 625 applicazioni di radiofrequenza in 28 pazienti sottoposti  ad ablazione per una tachicardia ventricolare ricorrente, andando a valutare l’impedenza locale – misurato attraverso un catatere IntellaNav MiFi – e del generatore in termini di valore alla baseline, di variazioni dell’impedenza durante le ablazioni e di tasso di variazioni dell’impedenza (variazione dell’impedenza/tempo).

L’impedenza locale è risultata più bassa nelle aree cicatriziali rispetto a quelle sane (87.0 Ω vs 97.5 Ω; p = 0,03) mentre tale non è emersa una distinzione simile per quanto riguarda l’impedenza del generatore. In modo simile, sia il drop che il tasso di variazioni dell’impedenza locale sono risultati maggiori nelle applicazioni di radiofrequenza che hanno portato all’interruzione della tachicardia rispetto a quelle che non hanno ottenuto questo effetto (18 Ω vs 13 Ω, p = 0,03, e 0,63 Ω/s vs  0,32 Ω/s, p = 0,08, rispettivamente ). Effetti, questi, non emersi per l’impedenza del generatore. Infine, il drop medio dell’impedenza locale è risultato più elevato nei pazienti con cardiomiopatia non ischemica rispetto a quelli con cardiomiopatia ischemica (16,0 Ω vs 11,0 Ω; p = 0,003), suggerendo l’importanza di considerare, nell’impiego dell’impedenza locale come parametro utile a stabilire l’efficacia delle lesioni ablative, l’eziologia della cardiomiopatia sottostante.

Bibliografia

1. Münkler P, Gunawardene MA, Jungen C, et al. Local impedance guides catheter ablation in patients with ventricular tachycardia. J Cardiovasc Electrophysiol 2020; 31:61–69

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi