Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Una nuova strategia di mappaggio della fibrillazione atriale: segnali frazionati e trigger non-PV

mappaggio della fibrillazione atriale

Una ricerca ha mostrato la correlazione spaziale tra potenziali frazionati rilevati dal sofware Lumipoint con trigger non-PV nel mappaggio della fibrillazione atriale. Lumipoint in particolare ha permesso la visualizzazione di segnali frazionati all’interno delle regioni di interesse (1).

Nello studio sono stati arruolati 30 pazienti con fibrillazione atriale sintomatica, sottoposti ad ablazione di foci non-PV tramite il sistema Rhythmia ad altissima densità presso il Kokura Memorial Hospital (aprile 2017-ottobre 2019). Sul totale, 4 pazienti hanno subito la prima procedura, 17 la seconda, 8 la terza e 1 la quarta. Sono stati esclusi i pazienti con allergia ai farmaci antiaritmici, grave malattia valvolare, forme gravi di apnea notturna e asma brochiale.

Tutti i pazienti erano refrattari o intolleranti a più di un farmaco antiaritmico prima dell’ablazione transcatetere. Quando sono stati osservati battiti ectopici spontanei, sono stati analizzati i trigger non-PV per mezzo di cateteri con elettrodi. In assenza di battiti ectopici spontanei, veniva somministrata per via endovenosa un’iniezione di un bolo di adenosina trifosfato (20-60 mg) durante infusione continua di isoproterenolo (1-10 μg/kg al minuto) per cercare foci non-PV. In caso di mancata fibrillazione atriale, l’induzione avveniva tramite stimolazione atriale rapida (50 ms/30 mA /5 secondi) nell’atrio destro alto durante l’infusione di isoproterenolo. Una volta interrotta la fibrillazione atriale attraverso la procedura di defibrillazione, dopo il ripristino del ritmo sinusale venivano controllati eventuali trigger non-PV spontanei. Il software Lumipoint evidenziava l’area del segnale frazionato nel muscolo atriale (FAAM) durante il ritmo sinusale e la stimolazione atriale, producendo così una mappa digitale FAAM. Le mappe FAAM sono state assegnate attraverso il peaks slider (che indica il numero di componenti dei segnali frazionati) che è il parametro originario di Lumipoint.

Bibliografia

1. Hirokami J, Hiroshima K, Yamaji K, et al. Relationship between fractionated signal areas in the atrial muscle during sinus rhythm and atrial pacing and non-pulmonary vein foci: novel mapping strategy. Circ Arrhythm Electrophysiol 2020;13(8):e008667.

Ultimi articoli

Dal 17° Congresso AIAC il commento di Antonio D’Onofrio

La prima giornata del 17° Congresso Nazionale dell’AIAC si è conclusa ieri. Abbiamo raccolto il commento a caldo di…

Leggi

L’AIAC saluta il Professor Attilio Maseri

Il 3 settembre ci ha lasciati il Professor Attilio Maseri, un gigante della cardiologia mondiale. Il saluto dell’AIAC e di tutta la comunità aritmologica italiana.

Leggi