Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Primo confronto tra POLARx e Arctic Front Advance

Lo scopo dello studio è descrivere le nostre prime esperienze col sistema di crioablazione POLARx e descrivere gli aspetti procedurali nel confronto con Medtronic Arctic Front Advance.

Dai risultati emerge in generale che POLARx è efficace per l’isolamento della vena polmonare. Le misure di isolamento e le temperature di nadir sono più basse in confronto col catetere Arctic Front Advance. In acuto l’efficacia due tecnologie appare simile e per entrambe la curva di apprendimento è piuttosto breve, ma saranno necessari ulteriori studi per provare questa equivalenza in dettaglio.

Lo studio
Si tratta di uno studio prospettico non randomizzato monocentrico. Sono state analizzate le procedure cliniche delle prime 40 procedure PVI consecutive eseguite utilizzando il POLARx nel Regno Unito. Poi i dati ottenuti sono stati confrontati con i 40 casi precedenti consecutivi sottoposti ad ablazione dagli stessi operatori utilizzando Arctic Front Advance CB (Medtronic).

Dal punto di vista procedurale sono stati misurati: il tempo pelle a pelle, tempo al PVI, tempo di permanenza atriale sinistro, tempo e dose di fluoroscopia, le temperature del palloncino di isolamento e di nadir, nonché l’efficacia in acuto e i risultati di sicurezza.

I tempi di procedura (60,0 vs 60,0 min) erano simili tra le due tecnologie, mentre il tempo di permanenza atriale sinistro (35,0 vs 39,0 min) e i tempi di fluoroscopia (3,3 vs 5,2 min) erano più alti con POLARx. Il nadir e le temperature del pallone di isolamento erano significativamente inferiori con POLARx. Quasi tutte le vene sono state isolate con un tempo di congelamento mediano di 16,0 (POLARx) contro 15,0 (Arctic Front Advance) min. Il tasso di complicanze procedurali è stato basso in entrambi i gruppi.

In sintesi quindi il sistema POLARx appare sicuro e può essere utilizzato in un flusso di lavoro analogo a quello della precedente esperienza con l’Arctic Front Advance.

Bibliografia

Creta A, Kanthasamy V, Schilling RJ, et al. First experience of POLARx™ versus Arctic Front Advance™: An early technology comparison. J Cardiovasc Electrophysiol 2021;32(4):925-930. doi: 10.1111/jce.14951. Epub 2021 Mar 4.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi