Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Sicurezza ed efficacia del sistema di crioablazione POLARx: confronto con propensity score con il criopallone Arctic Front nella fibrillazione atriale parossistica

Obiettivo innovativo dello studio è stato quello di confrontare il nuovo sistema di crioablazione POLARx con lo standard attualmente in uso rappresentato da Arctic Front in termini di sicurezza ed efficacia nell’isolamento delle vene polmonari nel trattamento della fibrillazione atriale parossistica attraverso propensity score.

Tutte le procedure sono state eseguite da operatori con alle spalle più di 1000 interventi ciascuno con il criopallone Arctic Front. I pazienti inclusi nello studio sono stati in totale 202, di cui 30 sottoposti a crioablazione con il sistema POLARx e 172 con il sistema Arctic Front. I 30 pazienti trattati con POLARx sono stati abbinati a 30 pazienti trattati con il sistema Arctic Front e i due gruppi bilanciati tramite propensity score.

L’isolamento in acuto delle vene polmonari è stato raggiunto in tutte le vene senza differenze significative nell’applicazione del criopallone con i due sistemi confrontati. I principali risultati dello studio sono stati quindi:

  • Isolamento in acuto delle vene polmonari nel 100% delle vene polmonari
  • Durata della procedura e del tempo di fluoroscopia più breve con POLARx
  • In tutte le vene polmonari, POLARx ha mostrato di avere un tempo più lento nel raggiungere 0°, più breve nel raggiungere -40°, una temperatura più bassa a 60 secondi, una temperatura di nadir più bassa, tempo di scongelamento più lungo fino a 0 °, durata di congelamento cumulativo più breve e nessuna differenza nel tempo di isolamento.
  • Non ci sono state differenze nelle complicanze relative alla procedura nei due gruppi.

Nonostante POLARx abbia mostrato di avere un tempo inferiore nel raggiungere -40 °, entrambi i gruppi hanno raggiunto -40° in 60 secondi. Questo non solo rappresenta un indicatore dell’isolamento delle vene polmonari in acuto ma è anche predittore della permanenza dell’isolamento a lungo termine.

In conclusione, lo studio ha dimostrato che POLARx si associa a una significativa riduzione del tempo di esecuzione della procedura, del tempo di fluoroscopia e della durata cumulativa del tempo di congelamento, a parità di efficacia e sicurezza nell’isolamento e occlusione delle vene polmonari.

Bibliografia

Mojica J, Lipartiti F, Al Housari M, Bala G, Kazawa S, Miraglia V, Monaco C, Overeinder I, Strazdas A, Ramak R, Paparella G, Sieira J, Capulzini L, Sorgente A, Stroker E, Brugada P, De Asmundis C, Chierchia GB. Procedural Safety and Efficacy for Pulmonary Vein Isolation with the Novel Polarx™ Cryoablation System: A Propensity Score Matched Comparison with the Arctic Front™ Cryoballoon in the Setting of Paroxysmal Atrial Fibrillation. J Atr Fibrillation. 2021 Jun 30;14(1):20200455. doi: 10.4022/jafib.20200455.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi