Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Correlazione tra HeartLogic e modifica ai parametri di programmazione

Caso clinico 5 IMG

A cura di Fabrizio Ammirati, Luca Santini e Valentina Schirripa, Ospedale G.B. Grassi (Ostia)

Un uomo di 87 anni con 30% di frazione di eiezione del ventricolo sinistro e affetto da cardiomiopatia diltatativa ipertensiva è stato sottoposto, nel mese di novembre 2017, all’impianto di defibrillatore per la resincronizzazione cardiaca (CRT-D) Boston Scientific in prevenzione primaria. Il device è stato programmato per erogare una stimolazione sinistra in modalità multisite, utilizzando due diversi vettori dell’elettrodo quadripolare sinistro.

Il 2 febbraio 2018 il paziente ha segnalato al medico la presenza di stimolazione frenica: si è ritenuto  opportuno modificare quindi la programmazione spegnendo l’opzione multisite e utilizzando un singolo vettore per la stimolazione sinistra. In data 23 febbraio, in occasione di una visita in-office, sono state testate diverse configurazioni riuscendo a programmare nuovamente una stimolazione sinistra multisite senza presenza di frenico.

HeartLogic_Caso clinico 5

Successivamente è stato fornito al paziente il sistema di monitoraggio remoto LATITUDE ed è stata attivata la funzione diagnostica HeartLogicTM. All’interrogazione è stato possibile valutare i trend dell’indice HeartLogicTM e dei singoli sensori, come si vede in figura, e si è osservato prima un superamento della soglia nominale (16) in data 11 febbraio e, pochi giorni dopo la riattivazione della stimolazione multisite, un decremento dell’indice fino a valori sotto la soglia di recupero (6).

L’analisi dei singoli sensori ha evidenziato che i principali contributi all’innalzamento dell’indice HeartLogicTM sono stati un incremento dell’ampiezza del terzo tono e un contestuale decremento del primo tono.

La coincidenza temporale tra le modifiche alla programmazione e le variazioni di indice HeartLogicTM e dei singoli sensori suggerisce il potenziale effetto della modificata stimolazione sulla funzionalità cardiaca. L’indice composito ed in particolare le misure automatiche dei toni cardiaci sembrano sensibili alla modalità di stimolazione biventricolare, e potrebbero rappresentare uno strumento di valutazione dell’efficacia della terapia.

 

 

Legenda
Linea rossa: Disattivazione stimolazione Multisite
Linea blu: superamento della soglia HeartLogicTM
Linea verde: Attivazione stimolazione Multisite

Bibliografia
Capucci et al. Preliminary Experience with the Multisensor HeartLogic Algorithm for Heart Failure Monitoring: A retrospective case series report»; ESC HF, in press.

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi