Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

Terzo tono, la valutazione con device rispecchia quella dei medici

Toni cardiaci

L’identificazione del terzo tono cardiaco mediante device è coerente con quella ottenuta tramite auscultazione. A dirlo una sottoanalisi del MultiSENSE, lo studio di validazione dell’algoritmo HeartLogic, i cui risultati sono stati pubblicati in forma di abstract sulla rivista Circulation (1).

Sono stati analizzati 5.211 report di auscultazione ottenuti dai 900 pazienti affetti da scompenso cardiaco e sottoposti a impianto di dispositivo CRT-D inclusi nello studio MultiSENSE. I ricercatori hanno effettuato un confronto tra le valutazioni di intensità del terzo tono cardiaco ottenute mediante device (DevS3) e quelle ottenute mediante auscultazione da medici che non aveva accesso ai dati provenienti dai dispositivi (AudS3). L’intensità del terzo tono AudS3 è stata valutata come “inesistente” in 4.709 casi, “bassa” in 391, “moderata” in 108 e “forte” in 3. Sulla base di questa categorizzazione i pazienti sono stati suddivisi in 3 gruppi (unendo i soggetti con terzo tono “moderato” e “forte”) e sono state analizzate le differenze tra i relativi valori medi di DevS3, pari rispettivamente a 0.96 ± 0.01 mG, 1.02 ± 0.02 mG, e 1.27± 0.06 mG.  I risultati hanno messo in evidenza come i 3 gruppi fossero effettivamente caratterizzati da valori medi di intensità del terzo tono cardiaco significativamente diversi, così come emerso dalle valutazioni cliniche dei medici. Poiché la valutazione del terzo tono effettuata mediante device è una misura oggettiva su scala continua mentre quella effettuata dai medici tramite auscultazione è una misura soggettiva, l’utilizzo della prima permetterebbe quindi di evitare la variabilità inter-ossevatore e consente di monitorare queste variabili cliniche anche in pazienti con scompenso cardiaco non ospedalizzati.

Vedi anche:
HeartLogic, i risultati dello studio di validazione MultiSENSE
– Predire lo scompenso con HeartLogic. Lo studio MultiSENSE

Bibliografia
Cao et al. Heart Sound Amplitudes Measured by Accelerometer Reflect Auscultated S3 Heart Sound Volume Grades. Circulation 2017; 136: A16050.

Ultimi articoli

Le tachiaritmie sopraventricolari in età pediatrica e nel cardiopatico congenito adulto

Dal 1° marzo al 31 dicembre 2024 sarà possibile seguire la nuova FAD asincrona AIAC “Le tachiaritmie sopraventricolari in età pediatrica e nel cardiopatico congenito adulto”. Dalle nozioni di base (ECG, fisiopatologia, diagnostica) alle aritmie specifiche e particolari del bambino-adolescente, l’evento formativo è rivolto a 200 utenti.

Leggi

Club AIAC: il terzo appuntamento sarà lunedì 26 febbraio

Nuovo appuntamento per il Club AIAC lunedì 26 febbraio dalle ore 17.00 alle ore 19.00. A presentare questo terzo appuntamento webinar saranno Carlo Lavalle (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Vice Presidente) e Pier Luigi Pellegrino (AIAC Consiglio Direttivo Nazionale, Consigliere – Coordinatore Aree e Task Force).

Leggi