Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

Notizie e commenti

L’algoritmo HeartLogic, il futuro della gestione dello scompenso cardiaco

Leonardo Calò, Responsabile dell’UOS di Aritmologia dell’Ospedale Policlinico Casilino di Roma, commenta i risultati di uno studio (1) realizzato da alcuni centri italiani che ha valutato l’analisi dei toni cardiaci mediante l’algoritmo HeartLogic. Tale funzione all’interno dei defibrillatori impiantabili permette una più pronta previsione dei pazienti a rischio di un episodio acuto di scompenso cardiaco. “Credo che la vera necessità nei prossimi anni sia quella di istruire tutti i cardiologi che si occupano di scompenso, così che possano utilizzare questo tipo di sistema nella loro pratica clinica quotidiana”.

Bibliografia

1. Calò L, Capucci A, Santini L, et al. ICD-measured heart sounds and their correlation with echocardiographic indexes of systolic and diastolic function. Journal of Interventional Cardiac Electrophysiology 2019. https://doi.org/10.1007/s10840-019-00668-y

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi