Notizie e commenti

Alto rischio aritmico e decision making con la genetica

Intervista video a Peter Schwartz, Direttore Centro per lo studio e la cura delle aritmie cardiache di origine genetica, IRCCS Istituto Auxologico Italiano di Milano.

La sindrome del QT lungo, la prima causa di morte improvvisa sotto i 20 anni, è un classico esempio di complessità in Aritmologia dove la genetica può essere di grande aiuto nelle decisioni diagnostiche e terapeutiche che riguardano la vita di pazienti ad alto rischio aritmico.

Al XIII Congresso dell’AIACPeter Schwartz ha presentato due casi esemplificativi: il caso di un bambino con malattia del QT lungo conclamata e del fratello clinicamente sano ma che potrebbe essere portatore silente della mutazione; e il caso in cui lo studio genetico potrebbe cambiare la scelta se impiantare un defibrillatore a un bambino con sindrome di Jervell e Lange-Nielsen, una variante molto rara della sindrome del QT lungo associata a sordità congenita, ad alto rischio di mortalità.

Ultimi articoli

AIAC 2020, nuovi soci al Congresso con il supporto dell’Associazione

I nuovi soci iscritti dopo il 1 novembre 2019 o che presenteranno la domanda entro il 28 febbraio 2020 potranno partecipare al XVII Congresso Nazionale AIAC con il supporto dell'Associazione.

Leggi

Esposizione radiologica, partecipa alla survey dell’Area Raggi Zero

L’Area Raggi Zero promuove un questionario rivolto a sondare la sensibilità dei Centri italiani nei confronti della esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione.

Leggi

Le aritmie del dopo Festival dello Sport

I progressi della Cardioaritmologia Sportiva ci rassicurano su una più valida prevenzione delle patologie aritmogene ad alto rischio di morte improvvisa. Il resoconto del Prof. Francesco Furlanello.

Leggi