Notizie e commenti

ANMCO-SIC-AIAC: disfunzione ventricolare grave e impianto ICD

Intervista a Massimo Zoni-Berisso, Responsabile Struttura Semplice di Aritmologia Asl 3 genovese.

Secondo una survey del 2009, in un terzo delle Unità Operative di Cardiologia italiane  i pazienti vengono impiantati senza alcuna preliminare selezione, in circa un terzo viene fatto un uso inappropriato di test strumentali per la selezione, solo nel 5% vengono usati score prognostici clinici per valutare la probabilità di sopravvivenza prima dell’impianto. Da una seconda inchiesta emerge che il 72% dei cardiologi italiani questi considera le attuali linee-guida non sufficientemente esaurienti per risolvere i dubbi quotidiani.

Sulla base di queste considerazioni l’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, la Società Italiana di Cardiologia  e l’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione, hanno prodotto un documento di consenso per una più appropriata interpretazione delle raccomandazioni delle linee-guida sull’indicazione all’impianto di ICD per la prevenzione primaria della morte improvvisa cardiaca nei pazienti con grave disfunzione ventricolare sinistra in assenza di cardiopatia geneticamente determinata. Il documento pubblicato lo scorso autunno sul Giornale Italiano di Cardiologia, è stato presentato a 45° Congresso Nazionale ANMCO di Cardiologia.

3 giugno 2014

Il documento

Il documento di consenso ANMCO/SIC/AIAC, Giornale italiano di Aritmologia e Cardiostimolazione, novembre 2013 (PDF: 345 Kb) .

Articoli correlati

Disfunzione ventricolare grave e ICD in prevenzione primaria

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi