Notizie e commenti

Dal congresso ESC 2022: novità sulla stimolazione del sistema di conduzione, intervista a Christophe Leclercq

Al congresso ESC 2022, che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, abbiamo intervistato Christophe Leclercq (Vice Presidente ESC, Ospedale universitario di Rennes, Francia) sulle novità sulla stimolazione del sistema di conduzione. Durante questa edizione del Congresso ESC 2022 ci sono state alcune sessioni dedicate alla stimolazione del sistema di conduzione, una nuova modalità di stimolazione che consente di attivare i ventricoli stimolando direttamente il fascio di His o la branca sinistra. È un campo in rapida evoluzione – spiega Leclercq –  e questa modalità di stimolazione probabilmente in futuro sostituirà la stimolazione ventricolare destra convenzionale e forse anche CRT. Tuttavia – ammette Leclercq – al momento non sono ancora disponibili sufficienti dati controllati provenienti da studi randomizzati, anche se sono disponibili molti dati da studi osservazionali. L’ESC è quindi in attesa di nuove evidenze, prima di implementare la stimolazione del sistema di conduzione nelle linee guida.

Guarda la videointervista

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi