Notizie e commenti

Dalle survey ai registri: l’attività di ricerca dell’AIAC

Valutare in modo scientifico quello che viene fatto nel mondo reale dell’attività di aritmologia ed elettrofisiologia in Italia. È questo l’obiettivo dell’attività di ricerca dell’AIAC, di cui ha parlato – in occasione del 18th International Symposium on Progress in Clinical Pacing – il Past President AIAC Giuseppe Boriani.

Due gli strumenti principali: le survey e i registri. “Le survey hanno un ruolo importante – sottolinea Boriani -, le linee guide ci dicono cosa fare in linea con le evidenze disponibili, ma le survey mirano a valutare come vengono percepite e quale substrato esistente in merito alla loro applicazione“.

“Il compendio ideale delle survey è l’attività dei registri, su cui AIAC è da tempo impegnata”. Dal registro storico sui pacemaker a quello sulle ablazioni, l’obiettivo – conclude il Past President dell’AIAC – è quello di “dare un’immagine definita di quello che è il mondo reale dell’attività di elettrofisiologia in Italia“.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi