Notizie e commenti

Dispositivi impiantabili, il trial ALSYNC e il registro DECODE

Dispositivi impiantabili

Intervista a Mauro Biffi, responsabile dell’U.O. “Attività di aritmologia e elettrofisiologia interventistica” del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna.

Abbiamo rivolto alcune domande a Mauro Biffi, primo autore di due studi presentati al meeting annuale della Heart Rhythm Society di quest’anno. Nel primo di questi i ricercatori sono andati a valutare, nel contesto dello studio ALSYNC, i benefici associati a una stimolazione endoventricolare sinistra nei pazienti in cui non è possibile effettuare un impianto convenzionale o che non rispondono alla terapia di risincronizzazione cardiaca. Nel secondo invece, Biffi e colleghi hanno analizzato i dati, relativi alla mortalità in seguito alla sostituzione di un defibrillatore cardiaco impiantabile, provenienti dal registro DECODE.

Quali sono i pazienti che traggono maggiori benefici da una stimolazione endoventricolare sinistra?

I candiati ideali alla stimolazione endoventricolare sinistra sono i pazienti in cui per qualsiasi motivo (impossibile accesso a una vena coronarica, soglia di stimolazione troppo elevata, stimolazione del frenico non evitabile) non sia possibile la stimolazione epicardica per via transvenosa convenzionale o in cui il posizionamento di un catetere per via toracotomica non sia desiderato (pregresso intervento cardiochirurgico con possibilità di aderenze tenaci) o consigliabile (pazienti fragili). Un sottogruppo piuttosto nutrito è poi rappresentato dai non-responders alla CRT (circa 20% dei pazienti), la metà dei quali può ottenere miglioramenti sovrapponibili ai pazienti cosiddetti “ideali”. L’effetto sembra particolarmente evidente nei pazienti con cardiopatia ischemica, nei quali è possibile selezionare siti di stimolazione specifici grazie alla ampia possibilità di posizionamento offerta dall’approccio endoventricolare.

In quali casi, invece, questa procedura non è indicata?

Decisamente nei pazienti ad alto rischio emorragico, poiché la terapia anticoagulante è considerata indispensabile in questa situazione, assimilata alla presenza di una protesi valvolare meccanica. Inoltre, non è ovviamente fattibile, se non per un accesso transettale ventricolare o transapicale, nei portatori di protesi mitralica meccanica.

Quali sono gli effetti in termini di tempi e costi procedurali?

Il costo può variare per la necessità di materiali dedicati all’accesso transettale, maggiormente per la assistenza alla puntura transettale (ECO TE oppure ICE) dall’accesso superiore. I tempi procedurali, invece, divengono simili alla procedura convenzionale dopo una learning curve di 6-8 casi.

Quali sono i parametri clinico strumentali che la metodica potrebbe migliorare maggiormente?

Come evidenziato nello studio ALSYNC, una stimolazione endoventricolare sinistra agisce positivamente sulla prestazione funzionale (NYHA) e il volume ventricolare.

Passando invece al registro DECODE. Quali sono stati i fattori di rischio di maggior peso nella vostra casistica su ICD?

Nel registro DECODE sono stati considerati 983 pazienti sottoposti a sostituzione o upgrade di ICD/CRTD. Le infezioni sono state molto contenute, 1.8% a 16 mesi di follow up medio, mentre gli eventi relativi ai cateteri (dislocazione e malfunzionamento) e le complicanze emorragiche sono risultati molto più frequenti, raggiungendo in entrambi i casi il 3.3%. Il ricovero nei 30 giorni precedente l’intervento, il reintervento e la gravità del paziente sono associati all’ insorgenza di complicanze nei 12 mesi successivi.

Quali sono i pazienti con maggior rischio per la sostituzione  dell’ICD?

Il rischio di morte o trapianto cardiaco dopo la sostituzione di ICD/CRTD è associato indipendentemente a una ridotta funzione renale (VFG ≤ 30 ml/min), a un grave scompenso cardiaco (NYHA 3 o 4) e a una ospedalizzazione nei 30 giorni precedenti l’intervento. Questo significa che i pazienti meno stabili e con malattie croniche di lunga durata sono i più esposti a un outcome sfavorevole.

In che modo è quindi possibile ridurre il rischio di infezioni?

Eseguire le procedure di sostituzione e upgrade solamente una volta che il paziente sia adeguatamente stabilizzato sul piano clinico dovrebbe divenire una prassi obbligatoria. Lo stesso dicasi per i pazienti che hanno subito lunghe ospedalizzazioni, in quanto la flora batterica è costituita principalmente da stafilococchi meticillino-resistenti e altri nosocomiali. La minimizzazione delle complicanze emorragiche deve divenire parte integrante della strategia operatoria. I reinterventi legati a prestazioni subottimali degli elettrocateteri dovrebbero essere in  futuro evitati dalla riprogrammazione del canale di pacing/sensing, perlomeno nei dispositivi CRT che dispongono di due canali ventricolari: il sensing dal ventricolo sinistro si è infatti rivelato affidabile nel lungo termine. Da ultimo, la massimizzazione della longevità dei dispositivi durante la fase ERI-EOL grazie al monitoraggio remoto può risparmiare sostituzioni e complicanze in pazienti fragili e molto compromessi.

Intervista a cura di Giulio Procedda
S.O.D.c. Cardiologia Pediatrica
Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer (Firenze)

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi