Notizie e commenti

EHRA: a scuola di pacing cardiaco, ICD e CRT

Intervista video a Maurizio Lunati, Dipartimento Cardiotoracovascolare, Ospedale Niguarda Ca’ Granda.

Si terrà a Vienna dal 17 al 19 marzo il prossimo corso dell’European Heart Rhythm Association sul pacing cardiaco, ICD e terapia di resincronizzazione cardiaca. Maurizio Lunati, direttore del corso, spiega qual è il valore di questo evento formativo pensato e realizzato per i giovani elettrofisiologi di tutto il mondo.
Tre i temi principi dell’edizione 2014 del corso: la necessità di ridurre l’esposizione radiologica degli operatori attraverso nuovi sistemi di imaging, la gestione dell’anticoagulazione nei pazienti da sottoporre ad impianti o sostituzioni di dispositivi, le tecniche di imaging quale guida del lavoro degli aritmologi.

25 novembre 2013

In agenda

European Heart Rhythm Association educational course on Cardiac Pacing, ICD and Cardiac Resynchronization Therapy
17-19 marzo 2014, Vienna (Austria)

Direttore del corso: Maurizio Lunati

Programma (PDF: 240 Kb)

Ultimi articoli

Impatto della pandemia COVID-19 sull’uso del monitoraggio remoto in Italia: la survey AIAC

Sul Journal of Clinical Medicine sono stati pubblicati i risultati della survey AIAC sull'impatto della pandemia COVID-19 sulla diffusione del monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili e della telecardiologia in Italia.

Leggi

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana sull'efficacia e la sicurezza di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione.

Leggi

Gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia: la survey AIAC

I risultati di una survey a diffusione nazionale promossa dall’Area “Raggi Zero” dell’AIAC sulla gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi