Notizie e commenti

Elettrostimolazione ed elettrofisiologia, le nuove tecnologie

“La tecnologia nel nostro ambiente, nel nostro settore, sta facendo passi da gigante”. Dall’elettrostimolazione all’elettrofisiologia, sono numerose le innovazioni tecnologiche che stanno avendo – o che promettono di avere – un grande impatto sulla pratica clinica. Ne abbiamo parlato, in occasione della 18esima edizione dell’International Symposium on Progress in Clinical Pacing, con l’organizzatore Luca Santini, cardiologo presso l’Ospedale G.B. Grassi di Ostia e Presidente di AIAC Lazio.

“Per quanto riguarda l’elettrostimolazione ci sono ormai due protagonisti indiscussi: il defibrillatore sottocutaneo e la tecnologia leadless per il pacing“, spiega Santini. La tendenza, infatti, è sempre più quella di ridurre il più possibile la presenza di hardware all’interno della struttura cardiaca, così da ridurre al minimo la possibilità di complicanze.

“Un altro grande protagonista è sicuramente il looprecorder“, continua. “È incredibile il numero di dispositivi che stiamo impiantando rispetto al recente passato”. Un effetto legato al progressivo ampliamento delle indicazioni per l’utilizzo di questa tecnologia, con studi che ne supportano l’utilizzo persino in prevenzione primaria.

Ultimi articoli

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

Prevenzione del carcinoma alla mammella nelle operatrici: la survey sulla radioprotezione di Donne&Aritmologia

In seguito all’osservazione di casi di carcinoma alla mammella sinistra in operatrici esposte alle radiazioni ionizzanti, il gruppo Donne&Aritmologia ha promosso una survey dedicata che sarà aperta fino al 31 gennaio.

Leggi

Estrazione di elettrocateri impiantati da >10 anni mediante utilizzo di sheaths meccaniche bidirezionali

Recentemente sono stati pubblicati sul Journal of Cardiovascular Electrophysiology i risultati di uno studio italiano multicentrico che ha avuto l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia dell’estrazione degli elettrocateri con una durata di impianto di almeno 10 anni, utilizzando sheaths meccaniche bidirezionali.

Leggi