Notizie e commenti

Gli auguri dei Presidenti del grande evento del 2017

Intervista video a Giuseppe Boriani, Presidente AIAC nazionale, Presidente XIV Congresso AIAC, Ospedale di Modena, e a Renato Ricci, Presidente del Comitato scientifico XIV Congresso AIAC, UOC Cardiologia, Ospedale San Filippo Neri, Roma.

Nell’augurare un felice anno nuovo, Giuseppe Boriani e Renato Ricci ricordano un appuntamento importante del 2017: il XIV Congresso nazionale AIAC, a Bologna dal 23 al 25 marzo. Un intenso programma di incontri e dibattiti che non deluderà le aspettative dei soci e amici dell’AIAC.

“Aspettiamo tanti partecipanti”, commenta Boriani, Presidente dell’AIAC e del XIV Congresso AIAC. “Come sempre sarà un’occasione di confronto sui temi più importanti nella nostra pratica quotidiana e di incontri finalizzati alla ricerca.”

Il tema cardine del convegno è quello della sfida della morte improvvisa. Una problematica che affrontiamo tutti i giorni – spiega Ricci nel ruolo del Presidente del comitato scientifico del Congresso – e che a Bologna verrà sviscerata da diversi punti di vista: dalla prevenzione nelle scuole e nel mondo dello sport, alla rete dell’assistenza e dell’emergenza e alla valutazione dei cardiopatici, cercando di discutere i tempi legati alla stratificazione del rischio e all’utilizzo appropriato delle metodiche e delle procedure oggi a disposizione.

Come da tradizione ampio spazio sarà dato ai giovani aritmologi ed elettrofisiologi. Una sessione sarà interamente dedicata agli infermieri e tecnici di Cardiologia che sarà potenziata da una giornata “pratica” utile per la preparazione dell’esame di competence.

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi