Notizie e commenti

I vantaggi del quadripolare nella CRT-D

Intervista video a Giovanni Forleo, Dipartimento di Cardiologia, Università di Roma “Tor Vergata”

Uno studio prospettico pubblicato sulla rivista Europace conclude che i pazienti impianti con il catetere quadripolare hanno meno ospedalizzazioni dei pazienti con il catetere biventricolare tradizionale. Questo si traduce in una riduzione dei costi pari a circa 700 euro per ogni anno di follow up.

Il quadripolare deve essere la prima scelta in tutti i pazienti candidati ad un impianto di CRT-D o solo in pazienti selezionati? Stimolando da dipoli diversi all’interno di uno stesso ramo del seno coronarico si produca una risposta emodinamica significativamente diversa? Ci sono abbastanza evidenze in letteratura per sostenere questa tesi?

Ne parliamo con Giovanni Forleo, primo nome dello studio.

Bibliografia
Forleo Gb, Di Biase L, Bharmi R, et al. Hospitalization rates and associated cost analysis of cardiac resynchronization therapy with an implantable defibrillator and quadripolar vs. bipolar left ventricular leads: a comparative effectiveness study. Europace 2014 [First published online: 4 November 2014]

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi