Notizie e commenti

Il consenso informato in età pediatrica

Intervista video a Fabrizio Drago, Direttore Cardiologia pediatrica, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Area Aritmologia Pediatrica AIAC

Una delle complessità nella pratica aritmologica è il consenso informato in età pediatrica che chiama in causa tre attori: il medico, i genitori e il paziente minore.

Il compito del medico è guidare i genitori o il tutore nella decisione che si trova a dover prendere per il proprio figlio malato. Innanzitutto, ha spiegato Fabrizio Drago al XIII Congresso AIAC, serve innanzitutto capire chi è l’interlocutore, che tipo di informazione dare e a quale livello dovendo fare capire qual è il decorso della malattia e perché si  è arrivato al punto di dover scegliere per una procedura interventistica piuttosto che per un’altra, e cosa può accadere dopo la procedura.  Un altro punto delicato e complesso è il coinvolgimento e la partecipazione attiva del paziente a vario livello in relazione all’età. “L’acquisizione del consenso informato non può essere un atto immediato. Quando è possibile serve lasciare il giusto tempo per scelte informate e condivise”.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi