Notizie e commenti

Il monitoraggio remoto nei fatti

Intervista video a Renato Ricci, Area Telecardiologia dell’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione, ACO San Filippo Neri di Roma.

Al “Convegno HTA oggi: opportunità e problematiche per una moderna sanità pubblica” che si è tenuto a Roma il 23 gennaio scorso si è discusso del monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili attivi. Un tema che rientra nelle priorità di studio dell’AIAC. L’AREA DI Telecardiologia dell’AIAC ha condotto un’analisi ad hoc dell’HTA del monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili attivi che sottolinea l’importanza del riconoscimento economico e della rimborsabilità delle prestazioni perché questa tecnologia sia diffusa su larga scala. “Oggi in Italia 30mila pazienti fruiscono di questo tipo di assistenza che viene assicurata dalle strutture ospedaliere esclusivamente su base volontaristica in quanto non risulta riconosciuta a livello di tariffari regionali e nazionali e quindi di fatto non viene rimborsata e le risorse impiegate non vengono considerate”.

23 gennaio 2014

Altre interviste

HTA oggi, per una moderna sanità pubblica. Intervista video a Massimo Santini, Presidente World Society of Arrhythmias.

Rimborsabilità del monitoraggio remoto: la proposta AIAC. Intervista video a Fabrizio Ammirati, Direttore UOC Cardiologia – Ospedale GB Grassi, Ostia (RM).

Il documento dell’AIAC

HTA per il controllo remoto dei pazienti con pacemaker e defibrillatori

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi