Notizie e commenti

La fibrillazione ventricolare nelle cardiopatie non strutturali

Intervista a Michel Haïssaguerre, elettrofisiologo del Department of Cardiology-Electrophysiology dell’University Hospital of Bordeaux.

In questa intervista realizzata in occasione del XVII International symposium on Progress in clinical pacing, il professor Haïssaguerre, pioniere dell’elettrofisiologia interventistica, ci illustra come è possibile intervenire sulla fibrillazione ventricolare non legata a cardiopatia strutturale e, in particolare, descrive la possibilità di identificare battiti ectopici trigger delle aritmie in alcuni pazienti affetti da sindrome di Brugada e da fibrillazione ventricolare idiopatica.

Nei soggetti con fibrillazione ventricolare idiopatica che non mostrano battiti ectopici invece, un nuovo strumento, rappresentato da un giubbottino mappante, può essere adoperato con successo in almeno la metà dei casi per localizzare le fonti responsabili di queste aritmie. Questo mappaggio non invasivo permette di identificare le fonti circoscritte e localizzate, individuando possibili target per l’ablazione. Questo tipo di mappaggio supera inoltre i limiti di altre metodiche utilizzate per mappare il substrato o il trigger dell’aritmia.

Giuseppe Picciolo
AOU Policlinico G. Martino di Messina
Task force sito web AIAC

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi