Notizie e commenti

L’alimentazione è la terapia cardiologica del futuro?

Intervista a Leonardo Calò, direttore dell’UO di Cardiologia dell’Ospedale Policlinico Casilino di Roma.

Molto spesso, in ambito cardiologico, si tende a non considerare l’importanza dell’alimentazione. “Ognuno si inventa la sua dieta – sottolinea Leonardo Calò – , quando anche su questo tema c’è bisogno di approfondimenti”. Uno studio che secondo il direttore dell’UO di Cardiologia dell’Ospedale Policlinico Casilino non può prescindere da un approccio metodologico rigoroso.

In questo senso, ad esempio, una nuova branca della cardiologia e delle scienze della nutrizione si occuperà dello studio dell’influenza dell’alimentazione sulla genetica. “Potremo misurare, con un metodo scientifico, come ciò che mangiamo condiziona la nostra vita”.

Infine, Calò ha descritto degli alimenti, i cosiddetti superfood, particolarmente indicati per la protezione della salute cardiovascolare. “Alcuni sono sotto i nostri occhi tutti i giorni – dice il cardiologo – tuttavia bisogna determinare in che modo questi cibi determinano benefici per la nostra salute.

Ultimi articoli

AIAC saluta il Professor Francesco Furlanello

È venuto a mancare ai suoi cari ed alla Comunità Cardiologica Italiana ed Internazionale il Prof. Francesco Furlanello. L’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione perde una figura carismatica che tanto impulso ha dato alla realizzazione, promozione e divulgazione dell’Aritmologia.

Leggi

La nuova Area Riservata dei soci AIAC: da oggi cambia il modo di vivere l’Associazione

Da oggi è attiva un’Area Riservata dedicata a tutti i soci AIAC. Tutti i soci AIAC per continuare a rimanere associati dovranno obbligatoriamente registrarsi ed accedere all’Area Riservata.

Leggi

Prevenzione del carcinoma alla mammella nelle operatrici: la survey sulla radioprotezione di Donne&Aritmologia

In seguito all’osservazione di casi di carcinoma alla mammella sinistra in operatrici esposte alle radiazioni ionizzanti, il gruppo Donne&Aritmologia ha promosso una survey dedicata che sarà aperta fino al 31 gennaio.

Leggi