Notizie e commenti

Le aritmie ventricolari nel bambino con cuore sano

Intervista a Fabrizio Drago, chairman dell’area di Aritmologia Pediatrica dell’AIAC.

Capita spesso che i pediatri siano estremamente spaventati dal riscontro di extrasistoli ventricolari nei loro pazienti. Anche per questo motivo Fabrizio Drago, responsabile dell’unità di cardiologia e aritmologia pediatrica del’Ospedale Bambino Gesù di Roma, e colleghi hanno prodotto il documento “Premature ventricular complexes in children with structural normal hearts: clinical review and recommendations for diagnosis and treatment”, in cui sottolineano come la presenza di queste alterazioni in soggetti con diagnosi di cuore sano sia da considerare non pericolosa.

“Vanno solo monitorate, in quanto possono portare a due tipi di problemi: la sintomaticità, anche se è molto raro che questo accada nei bambini con meno di 12 anni, o la disfunzione ventricolare, un adattamento del cuore a un’extrasistolia frequente, che non costituisce una cardiomiopatia ma che alla lunga può portare a un quadro di pre-scompenso”, commenta Drago in quest’intervista rilasciata alla redazione di aiac.it. Tuttavia, come sottolinea il cardiologo, tutte queste situazioni  si associano in genere a una prognosi positiva (nella maggior parte dei casi sono destinate a scomparire) e non richiedono interventi specifici oltre all’osservazione clinica. “Solo in alcuni rarissimi casi siamo costretti a intervenire”. L’obiettivo di questo documento, quindi, è quello di “tranquillizzare i pediatri e i cardiologi pediatrici”

Nella parte conclusiva dell’intervista Drago presenta invece le altre attività in cui è coinvolta l’area di Aritmologia Pediatrica dell’AIAC, dalle varie iniziative a livello formativo ai progetti di ricerca.

Bibliografia
Drago F, Leoni L, Bronzetti G, et al. Premature ventricular complexes in children with structural normal hearts: clinical review and recommendations for diagnosis and treatment. Minerva Pediatrica 2017; 69(5): 427 – 433

Ultimi articoli

Impianto di pacemaker: tra rischi di complicanze e buone pratiche

L'impianto di un pacemaker può essere considerato un intervento rischioso? Qual è la reale incidenza di complicanze e quali sono gli accorgimenti che, se utilizzati, permettono di ridurne il rischio? Mauro Biffi risponde a queste domande nell'intervista realizzata durante l'ultimo Congresso AIAC e offre 3 consigli per i giovani aritmologi che stanno cominciando a impiantare pacemaker.

Leggi

I giovani italiani premiati all’EHRA Young EP ECG Contest

Tra le 10 nazioni che hanno partecipato alla finale del Contest, l’Italia, rappresentata da Giovanni Coluccia (Azienda Ospedaliera “Card. G. Panico”, Tricase), Lorenzo Mazzocchetti (Clinica Pierangeli di Pescara) e Andrea Giuseppe Porto (Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania) si è piazzata al secondo posto dopo l’Austria.

Leggi

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi