Notizie e commenti

Le attività formative di AIAC in programma per il 2019

“Lo sviluppo di programmi di formazione, di crescita degli associati, è uno degli obiettivi che AIAC ha sempre perseguito e che in questo biennio stiamo perseguendo, con il supporto di tutto il Consiglio Direttivo, in maniera ancora più intensa e diversificata”. Intervistato in occasione del 18th International Symposium on Progress in Clinical Pacing, tenutosi a Roma dal 4 al 6 dicembre, il Presidente Renato Pietro Ricci ha descritto le prossime iniziative formative dell’Associazione.

Oltre al Corso online per infermieri e tecnici di cardiologia, di cui è già disponibile per intero il modulo sui pacemaker e in parte quello sui defibrillatori impiantabili, partiranno a breve dei corsi di formazione di tipo seminariale destinati ai medici. “Il Consiglio Direttivo ha approvato il primo corso, denominato ‘AIAC remoto 2019’, in cui verranno sviluppati dei temi legati al monitoraggio remoto dei dispositivi con dei seminari a carattere fortemente interattivo, con casi clinici, discussioni e lavori di gruppo”.

Oltre all’aggiornamento professionale degli specialisti più esperti – conclude Ricci – l’obiettivo è anche il “coinvolgimento dei giovani, che noi riteniamo essere la vera spina dorsale dell’Associazione”.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi