Notizie e commenti

Mappaggio cardiaco tridimensionale in tempo reale

Interviste a Vincenzo Schillaci, Federico Ferraris, Daniela Dugo e Graziana Viola.

Per poter realizzare ablazioni stabili e precise è fondamentale ottenere un’immagine accurata delle strutture cardiache, così da poter individuare precisamente i punti dove somministrare la radiofrequenza.

Il Carto3 V6 (BioSense Webster, Inc.) è un sistema di imaging avanzato che utilizza una tecnologia elettromagnetica per creare mappe cardiache tridimensionali in tempo reale. Esso permette all’operatore di navigare l’interno del cuore nel momento stesso in cui il sistema genera delle immagini accurate delle strutture cardiache e del posizionamento del catetere. Inoltre nella versione V6 è presente il software ripple mapping, il quale permette di mappare le tachicardie complesse in maniera dinamica, a prescindere dal ciclo della tachicardia (1). Abbiamo chiesto a quattro giovani elettrofisiologi di darci un loro parere su questa tecnologia.

 

Biosense Webster: Nuove tecnologie, Nuove certezze

 

Bibliografia

1. Linton NWF, Koa-Wing M, Francis DP, et al. Cardiac ripple mapping: A novel three-dimensional visualization method for use with electroanatomic mapping of cardiac arrhythmias. Heart Rhythm 2009; 6: 1754 – 1762.


Con il supporto non condizionato di

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi