Notizie e commenti

Novità e take home message dal congresso europeo di Cardiologia

Speciale ESC 2016. Intervista video a Giuseppe Boriani, Presidente AIAC, Ospedale di Modena.

Cinque giorni di session scientifiche su 150 topic cardiovascolari, 500 expert session, 30.000 operatori sanitari di 140 Paesi presenti: sono questi i numeri dell’ESC 2016 che si è tenuto a Roma.

Ogni congresso è un’occasione importante di scambio di informazione e di aggiornamento. E il congresso internazionale della Società europea di Cardiologia ha un valore importante per i colleghi aritmologi , commenta Giuseppe Boriani. “L’aritmologo è una figura importante ma che ha la necessità di confrontarsi anche con esperti in aritmologia interventistica, esperti in scompenso cardiaco ed esperti in coagulazione. Quindi frequentiamo i congressi specialistici ma non perdiamo l’orizzonte della cardiologia che avanza su tutti i fronti non solo nel nostro.”

Uno dei temi principi dell’ESC 2016 è stato quello della fibrillazione atriale con la presentazione delle nuove linee guida europee sulla gestione di questa aritmia.

“Alla stesura di queste linee guida hanno partecipato due italiani che lavorano all’estero: Barbara Casadei, futuro Presidente della Società europea di Cardiologia, e Stefano Benussi”, ricorda il Presidente dell’AIAC. “È motivo di orgoglio per il nostro paese dimostrare che le persone formate in Italia hanno raggiunto un elevato livello di competenza scientifica e anche di posizione in una società così importante”.

Le linee guida sottolineano la necessità di una corretta stratificazione del rischio per prendere le decisioni sulla terapia anticoagulante e propongo qualcosa di nuovo nella gestione dei casi più complessi di fibrillazione atriale con l’intervento di un team multidipliscinare per fare una valutazione migliore del rapporto rischio beneficio. “Qualcosa di nuovo su cui riflettere anche dal punto di vista organizzativo”.

Speciale ESC 2016

Novità e take home message dal congresso europeo di Cardiologia. Intervista video a Giuseppe Boriani.
Le nuove linee guida collaborative sulla fibrillazione atriale. Interviste video Stefano Benussi e Paulus Kirchhof.
Il substrato della fibrillazione atriale e nuovi bersagli terapeutici. Intervista video a Barbara Casadei.
Lo studio MORE-CARE sul monitoraggio remoto dei device. Intervista video a Giuseppe Boriani.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi