Notizie e commenti

Per una migliore cultura dei danni da radiazioni

Intervista a Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC.

Il XIV Congresso AIAC ha ospitato lo Stand Raggi Zero 2017 organizzato dall’Area Raggi Zero dell’AIAC insieme al CNR di Pisa. La partecipazione è stata buona: 84 partecipanti con 53 medici, 24 infermieri e 7 controlli.

Oltre alla visita per l’opacità del cristallino, sono stati compilati i questionari e forniti il campione biologico di saliva che permetteranno di indagare sui danni dell’esposizione continua ai raggi x per gli operatori sanitari che lavorano nei laboratori di elettrofisiologia.

“Pochi sanno che i cardiologi sono tra tutti i medici quelli più esposti alle radiazioni e il tutto è aggravato dal fatto che nel percorso formativo dei cardiologi manca un’adeguata cultura in campo radioprotezionistico”, commenta Maurizio Del Greco, chairman dell’Area Raggi Zero dell’AIAC. “Lo Stand Raggi Zero 2017 ha rappresentato quindi anche un’occasione per ragionare insieme su un fenomeno estremamente rilevante che impatta su pazienti ma anche, e forse più, sugli operatori. I dati raccolti allo Stand Raggi Zero 2017 ci permetteranno di ottenere ulteriori informazioni sull’esistenza oltre alle neoplasie di patologie connesse all’esposizione a radiazioni ionizzanti”.

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi