Notizie e commenti

Rhythmia, il sistema di mappaggio ad alta risoluzione

Intervista video a Paolo Della Bella, Ospedale San Raffaele di Milano.

Oltre l’85% delle ablazioni vengono effettuate dopo avere verificato l’attività elettrica del cuore attraverso sistemi di mappaggio elettroanatomico che rivestono un ruolo essenziale fornendo le informazioni necessarie per diagnosticare e trattare le aritmie con maggiore efficacia e sicurezza.

Tra questi sistemi prende posto la tecnologia Rhythmia.

“Il sistema Rhythmia è vincente nell’ambito dei sistemi di mappaggio elettroanatomico”, commenta Paolo Della Bella dell’Ospedale San Raffaele di Milano, in un’intervista video rilasciata all’EHRA EUROPACE-CARDIOSTIM 2015 (1). “Mostra chiaramente i vantaggi del mappaggio ad alta risoluzione, sia nelle tachicardie atriali sia nelle tachicardie ventricolari.”

Grazie all’elevata risoluzione del mappaggio e all’elevata qualità del segnale registrato, il sistema Rhythmia utilizzato con il catetere mappante Multipolare a 64 elettrodi di ridotte dimensione (Intella Map Orion) permette di acquisire decine di migliaia di punti con un qualità del segnale mai vista prima. Tale risoluzione e accuratezza garantiscono una maggiore facilità nella diagnosi e potenzialmente un maggiore efficacia nel trattamento delle tachicardie.

Bibliografia

  1. Symposium Redefining electrophisiology: high resolution mapping & ablation. EHRA EUROPACE-CARDIOSTIM 2015 23.06.2015

Ultimi articoli

AIAC saluta il dottor Ezio Soldati

AIAC piange la morte di Ezio Soldati, spentosi il 9 aprile 2024 all’età di 67 anni. Alla famiglia e ai colleghi della Cardiologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana giungano i più vivi sentimenti di cordoglio da parte del Direttivo nazionale AIAC.

Leggi

Quattro FAD AIAC disponibili online dal 15 aprile

Dopo il successo delle edizioni precedenti AIAC ha deciso di rendere disponibili le riedizioni delle seguenti 4  FAD asincrone…

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi