Notizie e commenti

Rhythmia, il sistema di mappaggio ad alta risoluzione

Intervista video a Paolo Della Bella, Ospedale San Raffaele di Milano.

Oltre l’85% delle ablazioni vengono effettuate dopo avere verificato l’attività elettrica del cuore attraverso sistemi di mappaggio elettroanatomico che rivestono un ruolo essenziale fornendo le informazioni necessarie per diagnosticare e trattare le aritmie con maggiore efficacia e sicurezza.

Tra questi sistemi prende posto la tecnologia Rhythmia.

“Il sistema Rhythmia è vincente nell’ambito dei sistemi di mappaggio elettroanatomico”, commenta Paolo Della Bella dell’Ospedale San Raffaele di Milano, in un’intervista video rilasciata all’EHRA EUROPACE-CARDIOSTIM 2015 (1). “Mostra chiaramente i vantaggi del mappaggio ad alta risoluzione, sia nelle tachicardie atriali sia nelle tachicardie ventricolari.”

Grazie all’elevata risoluzione del mappaggio e all’elevata qualità del segnale registrato, il sistema Rhythmia utilizzato con il catetere mappante Multipolare a 64 elettrodi di ridotte dimensione (Intella Map Orion) permette di acquisire decine di migliaia di punti con un qualità del segnale mai vista prima. Tale risoluzione e accuratezza garantiscono una maggiore facilità nella diagnosi e potenzialmente un maggiore efficacia nel trattamento delle tachicardie.

Bibliografia

  1. Symposium Redefining electrophisiology: high resolution mapping & ablation. EHRA EUROPACE-CARDIOSTIM 2015 23.06.2015

Ultimi articoli

Esposizione radiologica, partecipa alla survey dell’Area Raggi Zero

L’Area Raggi Zero promuove un questionario rivolto a sondare la sensibilità dei Centri italiani nei confronti della esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione.

Leggi

Protetto: S-ICD: bassi tassi di complicanze in pazienti con LVEF ≤35%

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Leggi

Le aritmie del dopo Festival dello Sport

I progressi della Cardioaritmologia Sportiva ci rassicurano su una più valida prevenzione delle patologie aritmogene ad alto rischio di morte improvvisa. Il resoconto del Prof. Francesco Furlanello.

Leggi