Notizie e commenti

S-ICD: dalle linee guida alla pratica clinica italiana

Una fotografia attendibile su come, nella pratica clinica attuale, viene adottata la nuova possibilità terapeutica dell’ICD sottocutaneo (S-ICD) rispetto ai dispositivi tradizionali è stata ottenuta con la survey nazionale S-ICD System: why not?. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Europace.

Condotta dall’AIAC la survey ha raccolto informazioni sulle caratteristiche cliniche di base e sulle indicazioni all’impianto di un’ampia popolazione di 1371 pazienti consecutivi sottoposti in 33 centri italiani a un primo impianto di ICD-VR, ICD VDD, ICD-DR, S-ICD. “I risultati – commenta in un’intervista video Gianluca Botto, direttore dell’UO Elettrofisiolofia dell’Ospedale Sant’Anna di Como e Past president dell’AIAC – per alcuni versi erano attesi, e per altri versi sorprendenti.”

L’88% dei pazienti che attualmente riceve correttamente un defibrillatore monocamerale o bicamerale avrebbe le indicazioni per ricevere in alternativa un defibrillatore sottocutaneo. La survey ha messo però in luce un marcato sovra utilizzo dei defibrillatori bicamerali rispetto a quanto le linee guida suggerirebbero.

“Evidentemente quanto stiamo facendo in Italia non corrisponde a quanto viene indicato dalle linee guida”, sottolinea Botto. “Mi aspetto che i risultati di questa survey servano per istituire un reset delle scelte procedurali finora effettuate. Molti dei pazienti che oggi ricevono un defibrillatore bicamerale non sarebbero indicati per questa opzione terapeutica e potrebbero ricevere un defibrillatore sottocutaneo, soprattutto se si tratta di pazienti più giovani”. Il vantaggio dell’S-ICD è di dare una defibrillazione efficace ed efficiente, lasciando il sistema venoso libero per qualsiasi ulteriore soluzione per il futuro.

Dai dati raccolti è emerso che nei centri italiani la gran parte dei pazienti candidati all’impianto dell’ICD lo è anche a quello dell’S-ICD. Quest’ultimo viene preferito per i pazienti più giovani con canalopatie, principalmente in un contesto di prevenzione secondaria dellamorte improvvisa. Inoltre, non sembrano esserci condizioni specifiche che fanno preferire il tradizionale ICD transvenoso all’S-ICD. Nel 45% dei pazienti (203) il driver di scelta dell’ICD è stato la necessità di pacing permanente, nel 36% (163) il potenziale bisogno del trattamento con anti-tachicardia pacing (ATP). Mentre i fattori che hanno guidato la scelta verso l’S-ICD sono stati la giovane età del paziente candidato all’impianto, la lunga aspettativa di vita e la prevenzione delle complicanze dei cateteri transvenosi.

Bibliografia

 

Con il supporto non condizionato di
Boston Scientific

 

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi