Notizie e commenti

Storm aritmico e blocco percutaneo del ganglio stellato

Intervistato in occasione del XVI Congresso Nazionale dell’AIAC, Enrico Baldi – cardiologo della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia e dell’Università degli Studi di Pavia – ha descritto il suo studio sull’impiego della tecnica del blocco percutaneo del ganglio stellato di sinistra nel trattamento dello storm aritmico refrattario, che gli è valso il Premio Giuseppe Maccabelli.

Questo riguardava il blocco percutaneo del ganglio stellato di sinistra, effettuato mediante somministrazione di un anestetico locale a livello del tubercolo anteriore della vertebra C6, in modo da ottenere un effetto antiaritmico. Sono stati coinvolti 5 pazienti con diverse patologie di base, dall’infarto acuto alla displasia aritmogena del ventricolo sinistro, i quali sono stati tutti trattati efficacemente mediante questa procedura con un azzeramento delle aritmie.

“Il nostro Centro ha istituito un corso per gli operatori per poter imparare questa tecnica”, ha concluso Baldi. Per avere maggiori informazioni sul corso, della durata di una giornata e destinato anche ai cardiologi di altri centri, è possibile scrivere a enrico.baldi@unipv.it

 

 

 

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi