Notizie e commenti

Telecardiologia: presente o futuro?

Intervista a Maurizio Landolina, direttore della Struttura Complessa di Cardiologia dell’Ospedale Maggiore di Crema.

La telemedicina permette, attraverso lo scambio digitale di informazioni, di sostenere e ottimizzare il processo assistenziale a distanza. Ma quali sono le applicazioni più promettenti in ambito cardiologico? Queste rappresentano il presente o il futuro della pratica clinica? Lo abbiamo chiesto a Maurizio Landolina.

“La telecardiologia è sicuramente il presente dal punto di vista tecnologico”, ha spiegato Landolina. In un’ottica di organizzazione, invece, si percepisce ancora l’assenza di un modello che permetta di utilizzare in modo efficace l’enorme quantità di dati prodotti da queste tecnologie. In ambiti specifici tuttavia, spiega il cardiologo, la telecardiologia fa già parte della pratica clinica quotidiana, come ad esempio “nel caso del controllo a distanza dei dispositivi”.

Infine, interrogato sull’importanza della compliance del paziente, Landolina ha concluso sostenendo che questo “deve essere cosciente del fatto che la sua collaborazione è un punto fondamentale per una corretta gestione della telecardiologia”. Chi non ha una sufficiente compliance andrebbe quindi escluso da questo genere di protocolli. “Senza la collaborazione del paziente – conclude il cardiologo – la telemedicina non può funzionare”.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi