Notizie e commenti

Un grande trial sul monitoraggio prolungato post-ictus

Intervista video a Tommaso Sanna, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, CRYSTAL AF Investigators.

Pubblicato sul New England Journal of Medicine, CRYSTAL AF è il primo grande trial randomizzato che ha messo a confronto la strategia tradizionale di controllo del ritmo dopo un evento di ictus criptogenetico versus il monitoraggio prolungato con loop recorder impiantabile.
I risultati più importanti di CRYSTAL AF potrebbero già cambiare la pratica clinica? Considerati i punti di forza e di debolezza cosa rimane da indagare? Loop recorder impiantabile dello studio CRYSTAL AF versus il loop recorder esterno dello studio EMBRACE: quale dispositivo scegliere facendo un bilancio costi benefici? Risponde il collega Tommaso Sanna, primo nome dello studio CRYSTAL AF.

9 settembre 2014

Articoli correlati

EMBRACE e CRYSTAL AF: monitoraggio prolungato post ictus
Fibrillazione atriale subclinica e ictus nell’anziano
FA: meno ictus con il controllo del ritmo

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi