Notizie e commenti

Verso una terapia di resincronizzazione con QRS “quasi-normale”

In occasione del XVI Congresso nazionale dell’AIAC, Giovanni Coluccia – cardiologo dell’Ospedale del Tigullio di Lavagna (Genova) – ha ricevuto il premio “Le idee di Luigi Padeletti” per lo studio “Towards a cardiac resynchronization therapy with a “quasi-normal” QRS”. Questo, condotto su 12 pazienti candidati alla resincronizzazione cardiaca con un risultato elettrocardiografico ritenuto insufficiente, aveva l’obiettivo di raggiungere, mediante l’aggiunta di un elettrocatetere in sede di stimolazione hisiana o ventricolare sinistra in un ramo differente da quello del catetere già presente, un aspetto del QRS definito “quasi normale”, ovvero caratterizzato da una morfologia tipica dei soggetti sani e con una durata possibilmente non superiore a 120 ms.

“I risultati sono stati incoraggianti – ha spiegato Coluccia -, la morfologia quasi-normale, in termini di durata e asse elettrico, è stata ottenuta nel 67% dei pazienti. Ci aspettiamo di continuare la nostra raccolta dati con nuovi pazienti e allargare la casistica in modo da porre le basi per un futuro trial”.

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi