Notizie e commenti

Aggiornate le linee guida canadesi sulla fibrillazione atriale

La Canadian Cardiovascular Society ha aggiornato le proprie linee guida sulla gestione della fibrillazione atriale. L’update è stato reso necessario, ha dichiarato Allan Skanes (University of Western Ontario, London, Canada), dai risultati dei trial ROCKET-AF, ARISTOTLE e PALLAS pubblicati lo scorso anno. “Each of these large randomized trials provided clear results with major implications for AF management,” hanno sottolineato gli autori.

Prima raccomandazione riguarda la necessità di stratificare i pazienti secondo il rischio di ictus e sanguinamento utilizzando gli score CHADS2 e HAS-BLED. I nuovi agenti anticoagulanti, dabigatran, rivaroxaban e apixaban, sono considerati “preferibili” al warfarin (nei pazienti oltre i 75 anni il dosaggio deve essere riconsiderato). La terapia anticoagulante e raccomandata in tutti i pazienti a rischio elevato o medio 0(CHADS2 score ≥1). Nei pazienti in terapia con anticoagulanti orali deve essere annualmente valutata la funzionalità renale.

Fonte
Focused 2012 Update of the Canadian Cardiovascular Society Atrial Fibrillation Guidelines: Recommendations for Stroke Prevention and Rate/Rhythm Control. Canadian Journal of Cardiology 2012; 28: 125-36.

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi