Notizie e commenti

Aritmologia "nuova" a Cesena

Nominati due nuovi direttori all’Ospedale Bufalini di Cesena, entrambi provenienti dal Veneto. Si tratta di Roberto Mantovan, che guiderà l’Unità Operativa di Cardiologia e della dottoressa Maria Grazia Passarin, designata a dirigere l’Unità Operativa di Neurologia.
Cinquantenne, nato a Venezia Mestre, Roberto Mantovan si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia e specializzato poi in Cardiologia presso l’Università degli Studi di Padova, dove tutt’oggi è iscritto al dottorato di ricerca in scienze cardiovascolari. Dopo aver seguito numerosi corsi di aggiornamento, master e stage in Italia ed all’estero, dal 1991 al 1998 è stato dirigente medico presso la Divisione di Cardiologia dell’Ospedale di Camposampiero, in provincia di Padova, e dal 1998 lavora alla Divisione di Cardiologia di Treviso dove dirige l’unità semplice di elettrofisiologia interventistica e cardiostimolazione. Si occupa di cardiologia clinica e Aritmologia, trattando in particolare le metodiche invasive. E’ autore di oltre 240 pubblicazioni su riviste scientifiche prestigiose e partecipa attivamente alla attività della nostra Associazione e dell’ANMCO (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri).

“Sono felice e lusingato per questo nuovo incarico – ha dichiarato Mantovan -all’atto della nomina. “Lavorerò per garantire i percorsi e i punti di forza già presenti e dare un ulteriore impulso ai settori della elettrofisiologia interventistica e della cardiostimolazione”. Sposato da 15 anni e padre di 2 figli adolescenti, vive da sempre con la famiglia a Mestre. Appassionato di musica classica, nel tempo libero ama correre su due ruote con la sua inseparabile moto.

Ultimi articoli

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi

Disattivazione dei CIED nel fine vita: realtà o solo raccomandazioni?

La maggior parte dei CIED rimane attiva nelle fasi terminali della malattia e il 25% dei pazienti sperimenta uno shock nelle 24 ore prima del decesso.

Leggi