Notizie e commenti

Consenso informato, necessario se il paziente conosce i rischi?

Se un paziente conosce i rischi associati alla procedura medica a cui si sottopone, non può fare richiesta di risarcimento in caso di omissione del consenso informato. Questo è quanto ha stabilito una sentenza della Cassazione relativa al caso di una donna che si era sottoposta a un intervento chirurgico di sterilizzazione mediante chiusura delle tube, la quale era però rimasta comunque incinta e aveva dato alla luce un figlio.

La donna, la cui salute (insieme a quella del nascituro), era stata messa a serio rischio dalla gravidanza e dal parto, aveva esposto denuncia sostenendo di non aver ricevuto una completa e adeguata informazione sulle possibilità di insuccesso dell’intervento di sterilizzazione, richiedendo un risarcimento. Tuttavia secondo i giudici, essendo la donna un’infermiera ostetrica (per di più dipendente presso il reparto dove è stata operata), questa sarebbe dovuta essere a conoscenza dei rischi associati alla procedura. Di conseguenza, il suo ricorso in Cassazione è stato respinto.

Secondo la ricorrente, con questa decisione la Corte d’Appello avrebbe violato le varie norme deontologiche nazionali e sovranazionali vigenti in materia. Teoricamente, infatti, l’obbligo del medico a informare il paziente non può venir meno in ragione delle presunte conoscenze di quest’ultimo.

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi