Notizie e commenti

Defibrillatori al pubblico

I defibrillatori semiautomatici esterni prenderanno posto anche in ambiente extra-ospedaliero, nei luoghi di grande affluenza quali alberghi, ristoranti, centri commerciali, cinema, discoteche e piscine. E potranno essere impiegati da soccorritori non sanitari, adeguatamente formati. Lo stabilisce il Decreto ministeriale del 18 marzo 2011 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno.

“Il decreto rappresenta un traguardo importante per combattere la morte cardiaca improvvisa che è una delle sfide maggiori per noi cardiologi”, commenta la Maria Grazia Bongiorni, Presidente dell’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione. “Il punto cruciale per prevenire la morte improvvisa è intervenire prontamente nel luogo dove avviene l’arresto cardiaco.” Il 70% delle morti cardiache improvvise si verifica al di fuori dell’ospedale.

La diffusioni di dispositivi di pronto intervento come i defibrillatori semiautomatici esterni nei luoghi pubblici presentano delle criticità che il Decreto interviene affronta individuando criteri e modalità. Una prima criticità è la formazione del personale non sanitario: “i programmi di formazione ed aggiornamento e verifica, nonché l’accreditamento dei formatori e la relativa certificazione, sono definiti dalle Regioni e dalle Province Autonome, sentiti i comitati tecnici regionali per l’emergenza”. I Decreto definisce i criteri del percorso – sia teorico sia pratico – necessario al personale sanitario e al personale non sanitario per conseguire l’attestato di formazione all’uso del defibrillatore.

Un altro punto critico è di natura economica. Il Decreto autorizza la spesa di 4 milioni di euro per l’anno 2010 e di 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2011 e 2012 per favorire la diffusione di defibrillatori semiautomatici e automatici esterni.

Il testo del Decreto pubblicato in GU (PDF: 106 Kb)

11 luglio 2011

 
Fonte
Sole 24 Ore Sanità

Ultimi articoli

Diagnosticare la fibrillazione atriale con uno smart device, è possibile?

Uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology ha valutato la possibilità di di fare screening di FA tramite sensori PPG presenti sugli smart watch.

Leggi

L’AIAC su Il Sole 24 Ore

Scarica il redazionale dell'AIAC, dal titolo  “Accesso all’innovazione in aritmologia, nuove tecnologie e nuovi farmaci al servizio del paziente”, pubblicato su Il Sole 24 Ore – Scenari “Guida Salute“.

Leggi

Il processo decisionale nella gestione degli ICD nel fine vita

Uno studio degli aspetti relativi alla gestione degli ICD nelle fasi terminali delle malattie e degli eventuali fattori associati all'occorrere di un colloquio con il medico circa il fine vita.

Leggi