Notizie e commenti

Estate in salute

Per prevenire problemi di cuore in estate l’Associazione Lotta alla Fibrillazione Atriale (AFA) raccomanda 10 regole d’oro.

  1. Evitare eccessi alimentari ed alcolici, soprattutto la sera (i disturbi gastrici possono causare la fibrillazione atriale)
  2. Mangiate molta frutta ed incrementate l’introduzione di elettroliti (in particolare potassio)
  3. Favorite una alimentazione a base di pesce azzurro (è ricco di Omega3 che hanno un effetto antiaritmico)
  4. Non cambiate continuamente tipo di alimentazione (ci possono essere ripercussioni sull’effetto degli anticoagulanti)
  5. Bevete molto, soprattutto succhi di frutta (ma evitate succo di pompelmo se assumete il dronedarone)
  6. Non fate sforzi sotto il sole (la perdita di potassio legata a sudorazione favorisce le aritmie) evitando le ore piu’ calde.
  7. Evitate viaggi lunghi e stressanti (lo stress è aritmogeno)
  8. Evitare il bagno in acqua freddo (può aumentare la pressione arteriosa)
  9. Evitare le alte quote in montagna oltre i 2000 metri (soprattutto se siete ipertesi)
  10. Evitare le arrabbiature e le forti emozioni (l’ipertono simpatico con scarica di catecolamine può causare aritmie)

Ultimi articoli

Sincope vasovagale: il webinar

L'Area Radioablazione e Neuromodulazione di AIAC presenta il webinar "Sincope vasovagale" che si terrà online il 6 giugno 2024 dalle ore 16.00 alle ore 17.30. Scarica il programma con il link per il collegamento.

Leggi

Ricordo del prof. Giuseppe Oreto

Il ricordo del prof. Giuseppe Oreto a firma di Gaetano Satullo che ne ripercorre la cultura, la poliedricità e la genialità attraverso il racconto di una storia lunga 40 anni.

Leggi

I Convegno Nazionale AIAC Giovani – L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido

Il 24 e 25 maggio 2024 si terrà a Napoli, presso l’Hotel NH Napoli Panorama il primo Convegno Nazionale AIAC Giovani, dal titolo “L’integrazione delle conoscenze di aritmologia clinica ed interventistica nel trattamento del paziente comorbido”.

Leggi