Notizie e commenti

Fibrillazione atriale e decadimento cognitivo

Un’analisi post-hoc degli studi ONTARGET e TRANSCEND conferma che la fibrillazione atriale (FA) è legata ad un rischio aumentato di declino funzionale e cognitivo, a prescindere dal verificarsi di ictus.

“I nostri risultati – ha dichiarato Irene Marzona dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, lead author dello studio pubblicato sul CMAJ – dimostrano un’associazione tra FA e esiti molto gravi: insorgenza di demenza, perdita di autosufficienza nello svolgimento delle attività quotidiane, ricovero in centri assistenziali per malattie croniche”: quest’ultimo dato si lega ad un “numero” impressionante, il 50 per cento di aumento di ricovero nei pazienti con FA.

Un limite delo studio, a giudizio degli stessi autori che afferiscono al Mario Negri e alla McMaster University di Hamilton, Canada – è nell’essere la popolazione esaminata già ad elevato rischio cardiovascolare. Ciononostante – e confermata la necessità di nuove ricerche – si riafferma l’esigenza di un controllo più stringente della FA, che indubbiamente rappresenta un fattore di rischio per patologie gravi e estremamente “pesanti” per il Servizio sanitario.

Fonte
CMAJ February 27, 2012 First published February 27, 2012, doi: 10.1503/cmaj.111173

Ultimi articoli

RI-AIAC: obiettivi, novità e implicazioni cliniche dei risultati dello studio

Pubblicati sul Journal of Personalized Medicine i risultati del RI-AIAC, registro multicentrico, prospettico osservazionale sulle infezioni dei CIED. Abbiamo chiesto al Professor Giuseppe Boriani, direttore di AIAC Ricerca, qual è l'importanza di questo registro promosso dall'AIAC e quali sono le implicazioni cliniche dei suoi risultati.

Leggi

Defibrillatore indossabile: evidenze, esperienze e nuove potenzialità d’uso

Terapia ormai consolidata negli Stati Uniti e in molti paesi Europei, il defibrillatore indossabile (WCD)…

Leggi

Rischio di morte non improvvisa nei pazienti portatori di ICD: sottoanalisi del registro OBSERVO-ICD

Pubblicati i risultati di un'analisi che ha valutato l’accuratezza e l’utilità dello score MAGGIC (Meta-Analysis Global Group in Chronic Heart Failure) nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione sottoposti ad impianto di ICD.

Leggi