Notizie e commenti

Fibrillazione atriale e infezione da Coronavirus: informazioni per i pazienti

La fibrillazione atriale è l’aritmia cardiaca più comune. Colpisce circa l’1% della popolazione, in particolare gli anziani. È rara tra i giovani, ma si manifesta nel 5% delle persone con oltre 65 anni e nel 10% degli ultraottantenni. Questa aritmia si associa ad un più alto rischio di malattie cardiache e cerebrovascolari. La fibrillazione atriale di per sé non aumenta il rischio di contrarre l’infezione da Coronavirus. Tuttavia, molti pazienti affetti da fibrillazione atriale sono più anziani e presentano comorbilità come ipertensione e diabete; questi pazienti, in caso di infezione, sembrano avere maggiori probabilità di contrarre una malattia più grave. L’European Heart Rhythm Association (EHRA) ha pubblicato una pagina dedicata ai pazienti in cui sono fornite importanti informazioni sulla fibrillazione atriale e sulle implicazioni cardiache dell’infezione da Coronavirus.

Visita la pagina

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi