Notizie e commenti

Fibrillazione atriale silente e rischio di ictus

La tachicardia atriale in assenza di fibrillazione atriale clinica accade frequentemente nel paziente portatore di pacemaker ed è associata ad un aumento significativo di rischio di ictus o di embolia sistemica.

I risultati dello studio Asymptomatic AF and Stroke Evaluation in Pacemaker Patients and the AF Reduction Atrial Pacing Trial (ASSERT) mostrano che, nella popolazione di pazienti ipertesi con pacemaker senza storia di fibrillazione atriale, gli episodi di tachicardia atriale registrati dal dispositivo di durata maggiore di sei minuti sono osservati in un terzo dei pazienti lungo quasi tre anni di follow-up.

Inoltre, queste aritmie sono associate ad un aumento di 2-5 volte del rischio di ictus ischemico e embolia sistemica. In un sottogruppo di pazienti con score CHADS2 pari a 2 o maggiore di 2, la tachicardia atriale registrata dal device è collegata a rischio assoluto di stroke del 3,78 per cento l’anno.

“This study shows clearly for the first time that silent atrial fibrillation in patients with pacemakers is in fact associated with quite a large increased risk of stroke,” ha dichiarato in un’intervista Stuart J Connolly della McMaster University (Hamilton, Canada). “These silent, short episodes of atrial fibrillation that we’re seeing – ha proseguito – seem to behave like the more typical clinical atrial fibrillation that we’re all familiar with”.

Fonte
Healey JS, Connolly SJ, Gold MR, et al. Subclinical Atrial Fibrillation and the Risk of Stroke. N Engl J Med 2012; 366:120-129

Ultimi articoli

Impatto della pandemia COVID-19 sull’uso del monitoraggio remoto in Italia: la survey AIAC

Sul Journal of Clinical Medicine sono stati pubblicati i risultati della survey AIAC sull'impatto della pandemia COVID-19 sulla diffusione del monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili e della telecardiologia in Italia.

Leggi

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana sull'efficacia e la sicurezza di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione.

Leggi

Gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia: la survey AIAC

I risultati di una survey a diffusione nazionale promossa dall’Area “Raggi Zero” dell’AIAC sulla gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi