Notizie e commenti

I benefici della CRT-D nei pazienti con insufficienza renale  

I pazienti con malattia renale cronica moderata o severa che hanno ricevuto una terapia di resincronizzazione con defibrillatore (CRT-D), invece del solo ICD, hanno un rischio più basso di ospedalizzazioni per scompenso cardiaco e mortalità. Sono queste le conclusioni di una valutazione comparativa dell’efficacia nel mondo reale presentata sull’American College of Cardiology da Daniel Friedman del Duke University Hospital e colleghi.

L’ICD è un dispositivo impiantabile che previene nei pazienti a rischio di eventi la morte cardiaca improvvisa attraverso il riconoscimento e il trattamento mediante terapia antitachicardica o defibrillazione elettrica delle aritmie ventricolari pericolose per la vita. La terapia di resincronizzazione (CRT) più defibrillatore lavora in modo simile con la differenza che, mediante stimolazione biventricolare, è in grado di ripristinare un corretto sincronismo nella contrazione interventricolare.

I pazienti con malattia cronica renale di grado moderato o severo sono poco rappresentati negli studi clinici e quindi sono ancora poche le evidenze sull’efficacia della CRT-D rispetto al solo ICD in questa categoria di pazienti. Il confronto dell’effectiveness pubblicata sull’American College of Cardiology prova a chiarire i reali benefici e i rischi della CRT sulla base dei dati statunitensi dell’ICD National Cardiovascular Data Registry.

Lo studio

In tutto sono stati confrontati i dati di 10.946 pazienti eleggibili alla CRT (frazione di eiezione < 35%, QRS > 120 ms, New York Heart Association classe funzionale III/IV) in uno stadio di malattia cronica tra il terzo e il quinto stadio. Di questi pazienti, 9.525 avevano ricevuto il CRT-D e 1.421 solo l’ICD. Nei pazienti che avevano ricevuto la CRT erano più frequenti la presenza di blocco di branca e una durata più lunga del QRS e quindi una ridotta funzione sistolica ventricolare; mentre nei pazienti con impianto dell’ICD era più comune la fibrillazione atriale.

La scelta del dispositivo da impiantare era stata influenzata dalla durata e morfologia del QRS e dall’esperienza dell’operatore, ma non dalla severità della disfunzione renale. Le attuali linee guida raccomandano l’impianto di ICD nei pazienti scompensati con frazione di eiezione persistente < 35% nonostante la terapia farmacologica, con una ragionevole aspettativa di sopravvivenza in buono stato funzionale maggiore di un annno, mentre suggeriscono la CRT-D in questi stessa tipologia di pazienti ma con una durata del QRS prolungata.

Durante il follow up di 3 anni, ricoveri ospedalieri per scompenso cardiaco sono stati osservati nel 29% dei pazienti con CRT-D  e nel 37% dei pazienti con solo ICD (p < 0,001) e il decesso è stato registrato nel 31% dei pazienti con CRT-D a fronte del 40% dei pazienti con solo ICD ( p < 0,001). L’analisi comparativa aggiustata per molti fattori – inclusi l’età, il sesso, il livello di malattia cronica renale e la presenza di flutter o fibrillazione atriale – ha evidenziato una riduzione dal 15 al 20% del rischio sia di ospedalizzazioni sia di decessi per scompenso cardiaco in pazienti di CRT-D. Questa riduzione del rischio è stata riscontrata nelle diverse classi di insufficienza renale. L’incidenza di complicazioni correlate al dispositivo nel medio e lungo termine e in ospedale non variavano da uno stadio all’altro della malattia renale cronica.

Conclusioni

I risultati dell’analisi rafforzano l’associazione osservata tra la resincronizzazione cardiaca con defibrillatore e miglioramento degli outcome di pazienti con malattia renale cronica avanzata. Ma, oltre a ciò, mettono in luce che la terapia di resincronizzazione non è più efficace dell’ICD nel ridurre la progressione della malattia renale.

In sintesi, concludono gli autori, l’analisi dei dati del registro statunitense supportano l’utilizzo della CRT-D indipendentemente dalla funzione renale, in particolare nei pazienti con blocco di branca sinistra, a fronte di una riduzione nel rischio di ricoveri e decessi per scompenso cardiaco. Tuttavia, prima di trarre delle conclusioni servono degli studi randomizzati prospettici.

In un editoriale di accompagnamento John Cleland e Yura Mareev del National Heart and Lung Institute di Londra commentano che la modesta riduzione del rischio di ospedalizzazioni e decessi non è sufficiente per affermare che la popolazione beneficia veramente di questo trattamento. Un forte limite dell’analisi di Friedman e colleghi è sicuramente l’assenza di un gruppo di controllo senza device.

Gli editorialisti puntualizzano inoltre che i costi della CRT-D potrebbero superare i benefici. Tenuto conto che il defibrillatore salva “una o due vite per anno ogni 100 impiantati, il device potrebbe non essere costo-efficacia prima dei 5 anni dall’impianto”. Inoltre andrebbe valutato che ritardare la morte espone il paziente con insufficienza renale a rischi maggiori.

“Nell’arco di tre anni muore il 61% dei pazienti nello stadio terminale della malattia renale con impianti di ICD e il 54% dei pazienti con la terapia di resincronizzazione,” scrivono gli editorialisti. “Impiantare un pacemaker CRT sarebbe giustificabile per migliorare i sintomi nonostante la prognosi sia grave. Tuttavia gli ICD sono inappropriati e inefficaci in molti pazienti con malattia avanzata. […] In queste situazioni invece di impiantare, con un certo rischio e disagio, una tecnologia costosa che potrebbe essere accompagnata da sostanziali morbidità, che potrebbe prolungare la morte invece che la vita, non sarebbe meglio discutere apertamente con i pazienti dei limiti della medicina moderna?”.

Bibliografia

Friedman DJ, Singh JP, Curtis JP, et al. Comparative Effectiveness of CRT-D Versus Defibrillator Alone in HF Patients With Moderate-to-Severe Chronic Kidney Disease. J Am Coll Cardiol 2015; 66: 2618-29.

Cleland JGF, Mareev Y. CRT for Heart Failure and ESRD: More Trials or More Thought Needed? J Am Coll Cardiol 2015; 66: 2630-2.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi