Notizie e commenti

I giovani AIAC al Venice Arrhythmias 2015

Per tutti i giovani elettrofisiologi dell’AIAC che sottoporranno il proprio abstract al Venice Arrhythmias 2015 è prevista una tariffa speciale per la registrazione al congresso, nonché la possibilità di partecipare al Best Abstract Award 2015.

La lettera dell’AIAC Giovani

Caro collega,

sperando di farti cosa gradita ti informo che per tutti i giovani elettrofisiologi AIAC che sottoporranno il proprio abstract alla quattordicesima edizione del Congresso internazionale di elettrofisiologia Venice Arrhythmias 2015 – che si terrà dal  16 al 18 ottobre 2015 presso la Fondazione Giorgio Cini sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia – è prevista una tariffa speciale di registrazione.

Infatti, il costo previsto di registrazione di 800 euro verrà ridotto a 300 euro qualora l’abstract sottoposto venga positivamente valutato dal comitato ed accettato di conseguenza.

Sul sito ufficiale del Congresso www.venicearrhythmias.org è disponibile un video informativo “Call for abstract”, oltre al programma scientifico aggiornato.

Vi segnalo inoltre la possibilità di partecipare al Best Abstract Award 2015 in questa grande vetrina internazionale!

Cordiali saluti,

Dr. Antonio Rossillo
Chairman Area Elettrofisiologia AIAC Giovani

Ultimi articoli

AIAC 2020, nuovi soci al Congresso con il supporto dell’Associazione

I nuovi soci iscritti dopo il 1 novembre 2019 o che presenteranno la domanda entro il 28 febbraio 2020 potranno partecipare al XVII Congresso Nazionale AIAC con il supporto dell'Associazione.

Leggi

Esposizione radiologica, partecipa alla survey dell’Area Raggi Zero

L’Area Raggi Zero promuove un questionario rivolto a sondare la sensibilità dei Centri italiani nei confronti della esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione.

Leggi

Le aritmie del dopo Festival dello Sport

I progressi della Cardioaritmologia Sportiva ci rassicurano su una più valida prevenzione delle patologie aritmogene ad alto rischio di morte improvvisa. Il resoconto del Prof. Francesco Furlanello.

Leggi