Notizie e commenti

I grandi del NEJM sono poco social?

Su YouTube i funerali di Whitney Houston sono cliccatissimi. Mentre le interviste a nomi autorevoli della medicina fanno poca audience. I medici quanto sanno usare i social media? Se lo chiede Larry Husten nel suo blog.

“Date un’occhiata a questo screenshot from YouTube”, scrive Larry Husten.

  • Jim Ware, il leggendario biostatistico del New England Journal of Medicine: 8 visualizzazioni.
  • Jerome Kassirer, Marcia Angell e Arnold Relman, ex-direttori del New England Journal of Medicine: 36, 28 e 257 visualizzazioni.
  • I funeral di Whitney Elizabeth Houston: 994,920 visualizzazioni
  • Una scimmia gelosa, un esemplare maschio alfa, attacca l’uomo: 2,135,280 visualizzazioni.

“Traete le vostre conclusioni”, commenta Larry Husten. La sua impressione è questa: “dobbiamo capire come possiamo utilizzare i social media meglio di quanto facciamo ora?”

La vostra conclusione?

Il post di Larry Husten

Letture consigliate

E. Santoro. Web 2.0 e social media in medicina.Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2011
E. Santoro. Facebook, Twitter e la medicina. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2011
A. Tozzi. Smartphone, iPad, e-book per il medico. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2011

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi