Notizie e commenti

Il più piccolo defibrillatore compatibile con la RMN

A maggio di quest’anno St. Jude Medical ha annunciato l’ottenimento della certificazione di compatibilità condizionale con l’esecuzione di esami diagnostici di risonanza magnetica (MR) total body  per il suo defibrillatore Ellipse™, versioni DF4 monocamerali e bicamerali, se utilizzato con elettrocateteri compatibili Durata, Optisure e Tendril MRI.

La compatibilità è certificata anche per gli impianti già avvenuti, estendendo l’accesso a questa importante metodica diagnostica anche ai pazienti che già hanno ricevuto l’impianto di uno di questi dispositivi.

La certificazione dei dispositivi Ellipse rappresenta un ulteriore passo compiuto dall’industria nel fornire agli operatori prodotti di ultima generazione, dotati delle migliori funzioni diagnostiche e terapeutiche che possano garantire ai pazienti un grado sempre minore di limitazioni.

Il dispositivo Ellipse è oggi il più piccolo defibrillatore compatibile con la risonanza magnetica presente sul mercato (solo 30 cc di volume), si caratterizza per un elevato contenuto tecnologico ed è dotato di algoritmi di discriminazione e filtri dedicati che hanno evidenziato un importante impatto nella riduzione degli shock inappropriati; si pensi che rispetto ai dispositivi di una sola generazione precedente, l’implementazione di questi nuovi discriminatori può ridurre fino al 74% l’incidenza di shock inappropriati.

Le funzioni specifiche di sicurezza, tra le quali ricordiamo l’algoritmo di discriminazione del rumore SecureSense, progettate per affrontare gli eventuali problemi di usura che potrebbero insorgere sugli elettrocateteri e il rivestimento della cassa in parilene offrono un particolare valore aggiunto nelle sostituzioni; in presenza di elettrocateteri da defibrillazione doppio coil lavora, inoltre, la funzione di commutazione della configurazione di shock DynamicTx che può rappresentare in caso di malfunzionamento dell’elettrocatetere la differenza tra una mancata erogazione e l’efficacie terminazione dell’artimia grazie all’erogazione della terapia1.

Infine, la tecnologia DeFT Response, storicamente presente in tutti i dispositivi St. Jude Medical, offre quel grado di programmabilità unica della forma d’onda che permette di ottimizzare il margine di sicurezza tra energia programmata e soglia di defibrillazione, risolvendo i casi di alta soglia, ma offrendo anche una maggior tranquillità in assenza di induzione.

È possibile trovare tutte le specifiche di compatibilità alla risonanza magnetica e i modelli di elettrocateteri compatibili sul sito: www.sjm.com/MRIReady

 

st.-jude-medical

 

 

Bibliografia
Mizobuchi M, Enjoji Y. Successful detection of a high-energy electrical short circuit and a “rescue” shock using a novel automatic shocking-vector adjustment algorithm. Heart Rhythm Case Reports 2015; 1: 27–30.

Ultimi articoli

Scadenze crediti ECM per il professionista sanitario

Di seguito si riporta un promemoria circa le scadenze in ambito ECM, che ogni professionista è tenuto ad osservare, per disposizioni nazionali.

Leggi

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi