Notizie e commenti

Il ritmo di Topol

Lui è uno dei cardiologi più famosi del mondo: Eric Topol, seduto alla propria scrivania, prende in mano l’iPhone e presenta quella che – a suo modo di vedere – è una novità straordinaria per l’assistenza al cardiopatico. Il tutto, in un video pubblicato sul sito Theheart.org e su YouTube.

Sviluppato da un medico, David Alpert e prodotta dalla AliveCorr, questa app trasforma il telefono della Apple in un dispositivo per la registrazione dell’elettrocardiogramma. Il prodotto è in corso di valutazione da parte della Food and Drug Administration e, in quest’ottica, è molto interessante leggere i commenti alla demo di Topol.

Alcuni medici si chiedono: rischiamo che da opportunità, un dispositivo del genere possa rappresentare un rischio per il medico, nel momento in cui un paziente lo usasse per smentire una diagnosi o per mettere in dubbio l’operato del suo medico?

Altri, entusiasti, pensano possa finalmente colmare la distanza tra medico e malato, agevolando l’assistenza domiciliare. Infine, qualcuno si augura che novità del genere possano contribuire a tenere sotto controllo i costi della sanità.

Chi avrà ragione?

8 luglio 2011

Fonte
Topol E. AliveCor app transforms your iPhone into an ECG: Watch my demo! 22 giugno 2011

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi