Notizie e commenti

Inquinamento, scompenso e ricoveri

Dal Lancet arrivano nuove conferme sugli effetti nocivi dello smog sulla salute del cuore: l’esposizione agli inquinanti dell’aria aumenta il rischio di decesso e ospedalizzazione in pazienti con scompenso cardiaco.

Il binomio inquinamento dell’aria e salute del cuore è stato indagato in diversi studi osservazionali ed epidemiologici. Il quadro che ne emerge è che anche brevi esposizioni agli inquinanti dell’aria possono aumentare il rischio di mortalità cardiovascolare, particolarmente nelle popolazioni più suscettibili. Ad esempio, è stato osservato in più studi che maggiore è il livello di esposizione, maggiore è il rischio di eventi cardiovascolari acuti, tra cui l’infarto del miocardio. Tuttavia, ad oggi, sono meno noti gli effetti dell’aria inquinata su altre condizioni cardiovascolari, quali l’insufficienza cardiaca che rappresenta a tutti gli effetti un’emergenza per la sanità pubblica e per la popolazione anziana. Oltre 23 milioni di persone nel mondo soffrono di scompenso.

A fare luce su questa area grigia è revisione sistematica e metanalisi a firma di Anoop Shah dell’Università di Edimburgo e colleghi, pubblicata in anteprima online sul Lancet. La revisione ha esaminato l’associazione tra i livelli di inquinamento dell’aria e le mortalità e ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca scompensata acuta.

Lo studio
Facendo una ricerca sui cinque database elettronici (Ovid Medline, Embase, Global Health, CINAHL e Web of science), sono stati selezionati 1146 studi e 195 sono stati revisionati nel dettaglio. Di questi ultimi, 35 studi soddisfacevano i criteri di inclusione per analizzare l’associazione tra incremento giornaliero nell’aria di gas tossici (monossido di carbonio, biossido di azoto, biossido di zolfo e ozono) e particolato PM2,5 e PM10 e casi di mortalità e decessi per scompenso cardiaco.

Combinando i dati dei 35 studi selezionati è stato calcolato che le ospedalizzazioni e i decessi aumentano del 3,52% (95%, CI 2,52-4,54) per ogni incremento di 1 parte per milione (ppm) di monossido di carbonio, del 2,36% (95%, CI 1,35-3,38) e 1,70% (95%, CI 1,25-2,16) per ogni incremento di 10 ppm rispettivamente di biossido di zolfo e biossido di carbonio. Anche il particolato ha un suo peso con un aumento del 2,12% per ogni incremento 10 mg/m3 di PM2,5 (95%, CI 1,42-1,82) e dell’1,63% per uno stesso aumento di PM10 (95%, CI 1,20-2,07).

Inoltre, è stato calcolato che l’associazione tra inquinanti e rischio di ospedalizzazioni e ricoveri è più marcato il giorno stesso in cui aumenta l’esposizione all’inquinamento atmosferico.

Conclusioni
Gli autori concludono che la revisione sistematica evidenzia una stretta associazione temporale tra aumenti degli inquinanti dell’aria e dei ricoveri e ospedalizzazioni di pazienti scompensati. Sono necessari ulteriori studi per confermare i danni dell’emergenza ambientale dell’inquinamento sulla salute. Tuttavia, continuano gli autori, abbiamo un’altra conferma che l’inquinamento dell’aria è a tutti gli effetti un problema di sanità pubblica pervasivo con conseguenze rilevanti sulla malattia cardiovascolare e sull’economia sanitaria che dovrebbe restare un obiettivo chiave delle politiche di salute globale.

Si stima che se negli Stati Uniti si riducessero il PM2,5 di 3,9 μg/m3, si conterebbero quasi 8.000 ricoveri in meno per disturbi cardiaci e si risparmierebbero circa 333 milioni di dollari l’anno.

La revisione è stata finanziata dalla British Heart Foundation.

Bibliografia
Shah ASV, Langrish JP, Nair HP, et al. Global association of air pollution and heart failure: a systematic review and meta-analysis. The Lancet, Early Online Publication, 10 July 2013 doi:10.1016/S0140-6736(13)60898-3

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi