Notizie e commenti

La migliore programmazione dell’ICD: i vantaggi della detection ritardata

Meno costi, ospedalizzazioni e giorni di degenza nei pazienti con impianto di defibrillatore impiantabile programmato con una detection ritardata. Nuove evidenze da ADVANCE-III nella “Research letter” a firma dei colleghi italiani e spagnoli sul JAMA.

Negli ultimi anni si è potuto notare un notevole focus nel cercare di ottimizzare la programmazione degli ICD per minimizzare le terapie erogate al paziente. In particolare due grandi trial randomizzati – ADVANCE-III e MADIT-RIT – hanno dimostrato rispettivamente una riduzione di tutte le terapie appropriate e degli shock inappropriati e una riduzione della mortalità nei pazienti programmati con una detection ritardata.

“L’analisi recentemente pubblicata su JAMA aggiunge un nuovo importante tassello all’evidenza a favore di questo tipo di programmazione”, ci spiegano Alessandro Proclemer, Maurizio Lunati e Maurizio Gasparini, co-autori della “Research Letter” e membri italiani dello steering committee dello studio ADVANCE-III.

“Infatti, utilizzando un rigoso approccio basato sull’uso degli ICD9CM e relativi DRG, abbiamo analizzato le ospedalizzazioni riportate dai 1902 pazienti inclusi nello studio ADVANCE-III trovando che l’uso di una detection prolungata, abbinata con l’erogazione di ATP durante la carica dei condensatori, è associato ad un allungamento del tempo prima che si verifichi un’ospedalizzazione, ad una riduzione nel numero delle ospedalizzazioni e ad un minor conseguente costo per paziente/anno sostenuto dal Sistema Sanitario Nazionale.”

Lo studio
Il trial randomizzato ADVANCE-III aveva arruolato 1902 pazienti con il primo impianto di ICD randomizzati in due gruppi : programmazione a intervallo lungo /30/40 cicli) o standard (18/24 cicli). Tre impianti su quattro erano in prevenzione primaria e uno su quattro in prevenzione secondaria. Tutti i dispositivi erano stati programmati per individuare delle aritmie a cicli di lunghezza inferiore o uguale a 320 ms. ADAVANCE-III aveva dimostrato che programmare un ICD con un intervallo di rilevamento lungo rispetto allo standard riduce la frequenza di stimolazioni antitachicardiche, di shock erogati e di shock inappropriati.

La nuova analisi di Proclemer e colleghi presentata sul JAMA ha rilevato nei 12 mesi di follow-up complessivamente 865 ricoveri per 546 pazienti: 473 dei ricoveri hanno riguardato 302 pazienti del gruppo con intervallo standard e i rimanenti 392 i 224 pazienti del gruppo con intervallo prolungato.

Rispetto al gruppo di controllo i pazienti del gruppo con intervallo prolungato hanno goduto sia di un minor numeri di ricoveri per tutte le cause (HR 0,84 [CI 95%, 0,73-0,96]; P = 0,005), sia di una riduzione della durata del ricovero (HR 0,87 [CI 95%, 0,83-0,91]; P < 0,01) e dei costi dell’ospedalizzazione (HR 0,82 [CI 95%, 0,68-0,95]; P = 0,01). Si è inoltre riscontrato un allungamento del tempo prima intercorso tra l’impianto e la prima ospedalizzazione (HR 0,81 [CI 95%, 0,68-0,95]; P = 0,01).

Dei risultati simili sono stati ottenuti per quanto concerne il tasso di ospedalizzazioni, giorni di degenza e intervallo di tempo prima del ricovero per cause cardiovascolari.

Inoltre è stato calcolato una riduzione media di 299 dollari per paziente/anno dei costi per tutte le ospedalizzazioni e di 329 dollari per paziente/anno per le ospedalizzazioni cardiovascolari.

Conclusioni
“Il valore di questi risultati si riflette principalmente in due aspetti: una riduzione del tempo che il paziente trascorre lontano dalla famiglia e potenzialmente improduttivamente dal punto di vista sociale; un risparmio per il sistema sanitario nazionale che potrebbe essere quindi utilizzato per ulteriori procedure altrimenti negate per questioni di budget”, commentano Proclemer, Lunati e Gasparini.

“È importante sottolineare che questi vantaggi sono ottenibili a fronte di nessun costo aggiuntivo per gli ospedali, sia da un punto di vista di procedure e dispositivi coinvolti, sia di tempo richiesto al personale medico. Va infine ricordato che la programmazione del defibrillatore validata nello studio ADVANCE-III è ora raccomandata già al momento dell’impianto del device.”

Bibliografia
Proclemer A, Arenal A, Lunati M, et al. et al. Association of Long vs Standard Detection Intervals for Implantable Cardioverter-Defibrillators With Hospitalizations and Costs. JAMA 2014; 312: 555-7.

Ultimi articoli

Il Professor Roberto De Ponti è il nuovo Direttore di AIAC Ricerca

In occasione della riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12 settembre scorso è stato nominato il nuovo Direttore di AIAC Ricerca per il prossimo quadriennio nella persona del Prof. Roberto De Ponti.

Leggi

Elisa Ebrille nominata EHRA Young Ambassador

Nella riunione del Consiglio Direttivo Nazionale del 12/09/22 il Consiglio ha nominato la Dott.ssa Elisa Ebrille (Ospedale Maria Vittoria, ASL Città di Torino, Torino) "EHRA Young Ambassador".

Leggi

Novità dal Congresso ESC 2022: le nuove linee guida sulle aritmie ventricolari e prevenzione della morte cardiaca improvvisa

Durante il recente Congresso ESC 2022 che si è tenuto a Barcellona lo scorso 26-29 agosto, sono state presentate le nuove linee guida ESC sulla gestione dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa.

Leggi