Notizie e commenti

La Riunione del Comitato Nazionale AIAC [31 maggio 2012]

Michele Musolino, Coordinatore dei Presidenti Regionali, relaziona sull’ultima riunione del Comitato Nazionale AIAC, tenutasi a Firenze il 31 maggio scorso evidenziandone i punti salienti.

Nel pomeriggio del 31 maggio scorso si è tenuta a Firenze in un clima di fattiva collaborazione la riunione del Comitato Nazionale AIAC alla quale hanno partecipato, oltre ai membri del Consiglio Direttivo Nazionale, quattordici Presidenti Regionali.

Si ritiene utile sintetizzare nei punti qui di seguito riportati le priorità emerse dalla riunione, da perseguire durante l’anno 2012, in quanto fondamentali per una fattiva vita associativa.

1. Importanza di aggiornare entro il 31 luglio 2012 il Censimento delle Strutture Aritmologiche Italiane con invio dei dati inerenti la tipologia dell’attività effettuata, aggiornati al 31 dicembre 2011. Chi non avesse ancora provveduto all’inserimento dei dati riguardanti il proprio centro può farlo compilando il questionario on-line.

2. Adeguata programmazione delle Riunioni Regionali che dovranno essere svolte preferibilmente durante il terzo quadrimestre dell’anno 2012, in sedi regionali, lasciando altresì la possibilità di eventi organizzati in collaborazione con regioni vicine. Si ritiene utile il coinvolgimento nelle manifestazioni di Cardiologi Extraospedalieri, Medici di Medicina Generale, Neurologi, eccetera. Il tema di base sarà incentrato sulla prevenzione delle tromboembolie e sulla utilizzazione dei nuovi farmaci anticoagulanti orali. Programma delle Riunioni potrà essere completato o integrato localmente secondo le indicazioni dei Presidenti Regionali.

3. Comunicazione da parte del Direttivo Nazionale dell’istituzione di borse di studio per dare l’opportunità ai giovani cardiologi interessati all’Aritmologia interventistica di frequentare presso Centri di Aritmologia di riferimento nazionale, con tradizioni nella formazione professionale. In un prossimo futuro saranno resi noti i centri aritmologici partecipanti e pubblicato il bando sul sito.

4. Segnalazione di criticità organizzative e/o operative a livello regionale che determinano una incompleta o inadeguata risposta alle richieste del territorio per quanto riguarda le prestazioni di aritmologia interventistica, in particolare nel settore delle ablazioni transcatetere. Tali criticità saranno superate con il contributo del Direttivo Nazionale, al fine di consentire una diffusione omogenea delle alte tecnologie sul territorio nazionale. I Presidenti Regionali saranno i promotori di iniziative ed ottimizzeranno i percorsi.

5. Invito a pubblicizzare il Congresso Annuale AIAC con sede a Bolognanella primavera 2103, perché possa diventare il riferimento per l’aggiornamento aritmologico dei cardiologi italiani.

6. Sollecito al pagamento delle quote associative annuali per i soci morosi.

 

19 giugno 2012
Michele Musolino
Coordinatore dei Presidenti Regionali

Ultimi articoli

Il supporto cardiopolmonare durante l’ablazione della TV emodinamicamente instabile: ruolo dell’inducibilità

Pubblicati recentemente sulla rivista Frontiers in Cardiovascular Medicine i risultati di un’esperienza italiana sull’utilizzo del supporto cardiopolmonare con ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) durante l'ablazione transcatetere di tachicardie ventricolari sostenute (TV).

Leggi

Ruolo prognostico dell’edema miocardico evidenziato in fase acuta dalla risonanza magnetica cardiaca in pazienti sopravvissuti ad un arresto cardiaco extra-ospedaliero: uno studio multicentrico

Sul Journal of the American Heart Association sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, promossa dall’Area Giovani per la Ricerca dell’AIAC, che ha coinvolto 9 centri italiani con l’obiettivo di valutare quale fosse il ruolo dell’edema miocardico alla RMC nel predire le recidive aritmiche durante il follow-up.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale con alta potenza e breve durata: caratterizzazione biofisica delle lesioni

Pubblicato su Pacing and Clinical Electrophysiology uno studio che aveva l’obiettivo di chiarire il contributo della forza di contatto e della temperatura e la loro interrelazione nel creare una lesione adeguata con un catetere per ablazione vHPSD (very high-power short-duration).

Leggi